Recensione Liquido Pronto: Choc Effect (Green Fog) 40 ml – ricevuto dal produttore

Base dichiarata: 20 PG / 80 VG

Lotto: S320517

Nico: 3 mg/ml

Data scadenza: 11/2018

Devices: Aleadertech Funky 160 W + Geekvape Peerless RDA single fused clapton coil 0,65 ohm (Ni80 core 30 awg x 3 + outer 38 awg) con cotone Native Wicks.


Oggetto della recensione odierna è Choc Effect prodotto da Green Fog, un marchio italiano nato dalla collaborazione tra il Dott. Fortunato Francia e Rino Cucci. 

Il confezionamento della linea Electro prevede un formato Mix Series da 30 ml (a zero nicotina) venduto in associazione ad una “basetta” chiamata Nitro Nix da 10ml contenente nicotina, qualora la si desideri. Le boccette in PE sono dotate di sistema child proof e contagocce a punta stretta. Il prodotto rispetta fedelmente i dettami della più attuale normativa europea. Al momento però non sappiamo ancora se le recenti novità normative nazionali in tema di vaping modificheranno ulteriormente il packaging e il contenuto di tutti gli e-liquid Green Fog, così come di tutti gli altri produttori italiani. E’ molto probabile che nei prossimi mesi di questo 2018 assisteremo a numerosi cambiamenti sia nella forma che nella sostanza.

Prima di inizare vi ricordo che, se volete essere sempre aggiornati in tempo reale sulle nostre anteprime e ultime recensioni, dovete andare su www.facebook.com/theflavourist e cliccare sul “mi piace” indicato dalle frecce gialle nell’immagine qui sotto.

flavourist_MIPIACE

Il produttore descrive così Choc Effect:

Una miscela perfetta di Pan di Spagna sbriciolato e pasta frolla che fanno da cornice al vero protagonista: il cioccolato. Perfetto per lo svapo mattutino dopo la prima colazione o come dessert nel dopocena.

Un po’ ambigua la descrizione di Choc Effect perchè non fa pensare con immediatezza ad un prodotto dolciario concreto e reale. Il Pan di Spagna seppur sbriciolato farebbe pensare ad una ciambella, ma al tempo stesso la presenza della pasta frolla ci proietta verso altre tipologie di dolci, per esempio una crostata o volendo anche dei semplici biscotti di pasta frolla. In più il produttore nella descrizione aggiunge che è il cioccolato il vero protagonista della ricetta. Se si tratti di semplici gocce di cioccolato, di cioccolato fuso sulla pasta frolla oppure di cioccolato aggiunto all’impasto del Pan di Spagna, lo scopriremo tra poco.

Il test olfattivo mi conferma subito che effettivamente è il cioccolato l’ingrediente principale di Choc Effect. Accompagnato forse da flebili note alcoliche, questo cioccolato si prende la scena olfattiva pur non presentando una profumazione eccessivamente marcata e scura. Cioccolato al latte incorniciato in un discreto sottofondo di pasticceria. Al naso si percepiscono sfumature che ricordano con buona fedeltà la fragranza di una ciambella di Pan di Spagna. Immancabili punte vanigliate completano il quadro olfattivo di un e-liquid cremoso ma non troppo.

Per la prova di svapo è stato utilizzato il Peerless di Geekvape in sigle coil con una fused clapton in Nichrome. Il range tra i 40 e i 45 watt è stato scelto per evitare temperature che inevitabilmente avrebbero teso a “cuocere” l’aroma cioccolato, schiacciando un po’ troppo le sfumature aromatiche del bouquet.

Sin dalle prime boccate Choc Effect svela le sue caratteristiche: un cremoso senza esagerazioni, sviluppato con una certa linearità e senza eccessive dolcificazioni. In inspirazione evidenti note “crust” indirizzano la svapata su un binario molto lineare e composto e ci preparano ad un viaggio tranquillo, privo di particolari sorprese aromatiche. Le note crust, ovvero la pasta frolla, se non supportate da una consistente componente burrosa, ed è questo il caso, lasciano spesso un sensazione di secchezza generale all’interno di una ricetta cremosa.

Sebbene emergano leggeri spunti dolcificanti probabilmente a base di sucralosio, il sopraggiungere del cioccolato nel cuore della svapata fortifica in un certo senso il gusto generale poco dolce e grasso. L’aroma cioccolato appare senza dubbio gradevole e ben allineato ai cardini equilibrati dell’intero mix. Un cioccolato al latte o forse meglio un fondente poco fondente. Effettivamente Choc Effect vive principalmente sull’aroma cioccolato, ma la senzazione è che lo scenario globale di questo e-liquid non riesca ad esaltarne a dovere le sue buone qualità aromatiche. Un cioccolato intrappolato tra i meandri delle sfumature crust in avvio e del Pan di Spagna in coda. Eppure i singoli ingredienti, mai sovradosati, si dimostrano all’altezza, se presi e valutati singolarmente.

Chill Out Vape Sale @GearBest: Up to 65% OFF

Anche le sfumature aromatiche del Pan di Spagna, che fanno capolino con delicatezza sul finire della boccata, non producono l’effetto sperato di incentivazione di morbidezza e rotondità dell’intero mix. Eppure, anche a costo di ripetersi, anch’esso esprime una indubbia qualità fatta di fragranza e naturalezza. La nostra personale percezione nello svapare Choc Effect è che manchino alcuni legami aromatici. Nonostante il dosaggio dei singoli ingredienti sia perfetto, così come l’equilibrio tra gli stessi, il liquido pecca leggermente dal punto di vista dell’amalgama, risultando a tratti un po’ troppo spacchettato.


Il dubbio olfattivo resta: un Pan di Spagna al cioccolato o una semplice base dolciaria sporcata con del cioccolato? O forse entrambe le cose?

Ciò che è certo, è che Choc Effect ci ha messo in difficoltà… L’e-liquid si mostra delicato e gustoso e molto adatto per un svapo giornaliero prolungato, con la giusta persistenza aromatica in una cornice aromatica apprezzabile per compostezza e raffinatezza. Al tempo stesso però siamo rimasti un po’ spiazzati dal tipo di ricetta, già peraltro anticipata dal produttore in descrizione, e dal tentativo di accostarlo ad un qualcosa di concreto che non ha prodotto i risultati sperati.

Forse non ne abbiamo capito l’essenza…

Pro: Equilibrato, pulito e poco invasivo. Ideale per una svapata quotidiana.

Contro: Poco cremoso e amalgamato.

Please follow and like us:
Facebook
Facebook
EMAIL
RSS