Nome: Serpent Elevate RTA (Wotofo & SMM) – Atomizer – ricevuto da Vaporoso

Tipo: Atomizzatore Tank

Colori: Acciaio inossidabile,Arcobaleno, Blu, Grigio, Nero, Oro, Gun Metal.

Prezzo: ~ € 26


Wotofo non si ferma più e continua con importanti collaborazioni ecco a voi Serpent Elevate..

Wotofo è un azienda Cinese nata nel 2012 con l’obiettivo di espandersi in tutto il mondo con i suoi molteplici prodotti. La società che negli ultimi anni è riuscita a conquistare sempre di più il mercato degli atomizzatori nutrendo questo settore con qualsiasi tipo di novità e differenziando la sua offerta proponendo atomizzatori atti a coprire ogni modo di svapare con prodotti man mano sempre più interessanti.

Negli ultimi periodi Wotofo è riuscita a consolidare importanti collaborazioni, sopratutto con “youtubers” od al secolo “influencer”. Dalla collaborazione dei progettisti dell’azienda e dalla grande esperienza maturata da Such My Mods, uno dei più famosi influencer stranieri con un pubblico davvero ampio, è nato questo Serpent Elevate un atomizzatore post-less, quindi senza torrette, single coil, rigenerabile che si presenta sulla scena come un atomizzatore per il Flavour chasing.

Dopo questa piccola descrizione siamo pronti per affrontare al meglio il test di questo Serpent Elevate.

Come di consueto, in avvio di articolo ci occupiamo di osservare il contenuto della confezione del prodotto ricevuto (nel nostro caso in color nero).

IN THE BOX

1 x Wotofo Serpent Elevate RTA da 3,5ml
1 x Vetro bubble di ricambio da 4,5ml
1 x  Extra Drip Tip
1 x bustina 2 Clapton Coil (Framed Staple Clapton Coil(28G+38G*9+28G)+36G N80 ID 3mm)
1 x Drip tip 810 aggiuntivo frosted
1 x Set di O-ring
1 x Manuale di Istruzioni
1 x bustina3mm Agleted Cotton Strip
1 x  Giravite e “taglia gambette coil”.

DESIGN AND BUILD QUALITY

Dal punto di vista estetico, a primo sguardo, il Serpent Elevate risulta decisamente poco ingombrante e sicuramente sinuoso con le sue forme smussate. Una forma sicuramente gradevole perchè ricordiamoci che anche l’occhio del “vapers” vuole la sua parte. Anche il drip tip molto basso e sfumato in base al colore è sicuramente di impatto e tutto risulta abbastanza elegante nella colorazione nera che abbiamo noi in prova; che viene leggermente a mancare quando montiamo invece che il vetro standard quello leggermente bombato per aumentare la capacità del liquido. L’atom non presenta altre sfumatura ma solo un disegno in rilievo sulla ghiera dell’aria ovviamente pensata per favorire il grip ben amalgamata nel contesto.

Dal punto di vista costruttivo, il Serpent Elevate regala subito, appena lo si prende in mano, un senso di solidità e la qualità costruttiva sembra davvero buona. La lavorazione dell’acciaio è sicuramente positiva ed ad occhio non si vedono sbavature di alcun tipo. La parte più debole è quella centrale, ovviamente questo è dovuto alla presenza del vetro centrale non “ingabbiato” da nessuna parte metallica. I pochi orign presenti sembrano di buona fattura; le tolleranze per la ghiera del controllo dell’aria risulta ottima: ne troppo dura ne molle, una volta settata difficilmente si muoverà involontariamente.

FEATURES

Il Serpent Elevate ha un diametro di 24 mm, un’altezza di circa 40 mm (escluso il pin 510), un peso di circa 50 gr e una capienza di 3,5 ml nella versione standard (4,5 con il tank così detto bubble). Questo tank completamente smontato è composto alla base da un deck, al di sopra troviamo la campana che è tutt’uno con la parte superiore della base dove troviamo i fori per il refill, e la feritoia per l’aria che come avrete capito viene presa da sopra, quindi compresa di ghiera regolabile, il top cup svitabile  che alloggia il drip tip.

A primo impatto ci salta subito all’occhio la posizione non consueta dell’ AFC, l’airflow control, posto nella parte superiore dell’atomizzatore. La definiamo “diversa” perchè comunque non si vedono molti atom di questo genere con questa soluzione. Dalla parte alta l’aria viene presa e trasportata verso le feritoie poste a lato del deck da un intercapedine posta sotto il camino. Una soluzione semplice ma comunque inedita. Questo consente di evitare le fastidiose perdite che possono presentarsi negli atom con aria dal basso e rendono il tiro fluido e senza turbolenze.

Un’altro particolare che ritroviamo nel deck è quello della presenza di 4 fori per montare le coil, noi ci sentiamo di consigliarlo solo in single coil ma se siete dei creativi sperimentatori dotati di pazienza potreste farci entrare con un pò di fantasia anche due coil.

COILING, WICKING AND FILLING

Arriviamo così a le classiche operazioni, per quanto riguarda il coiling tutto è molto semplice e abbastanza guidato. Prenderemo la nostra resistenza, noi useremo quelle date in dotazione, e con l’aiuto del taglia gambette, uno strumento molto utile che ci consente dopo aver inserito la coil, di trovare il punto preciso dove tagliare le estremità per evitare corti una volta posizionata la coil nel deck post less. Una volta tagliate le estremità della coil procediamo a  svitare con la brugola in dotazione i grani posti a lato piazziamo la coil, spingendo leggermente la coil verso il basso in modo tale che la parte bassa della coil sia quasi in linea con i fori dell’aria e serriamo. Tutto molto semplice.

Inserire il cotone è un operazione anch’essa molto semplice e tutto si risolve nel giro di pochi minuti infatti a lato troviamo due feritoie a cui appoggiare il nostro baffo di cotone. Non dovremmo farlo passare al loro interno perchè altrimenti l’atomizzatore andrà in secca basterà tagliarlo allo stesso livello dei fori ed adagiarlo leggermente sui bordi, a questo punto il liquido risalendo andrà a bagnare il nostro cotone con una alimentazione copiosa e mai troppo asciutta. Dopo una veloce bagnata al cotone avvitiamo il tutto e siamo pronti per il refill.

Come ormai abituati dai più recenti sistemi per lo svapo, il refill è molto comodo e si fa dall’alto senza bisogno di capovolgere o inclinarlo. Basta svitare la parte superiore e si avrà l’accesso a due enormi fori che ci permettono di utilizzare qualsiasi boccetta senza complicazioni.  L’operazione è semplicissima e comoda, e soprattutto, grazie proprio al sistema di avvitamento/svitamento del top cap, è a prova di fuoriuscite accidentali di liquido.

PERFORMANCES AND FLAVOUR

Il Serpent Elevate è stato progettato per uno svapo in flavour chasing intorno alla 50ina di watt, e noi lo proveremo proprio con questa configurazione standard.

Visto la posizione dell’AFC siamo molto curiosi di provare il tiro, che spesso è un fattore determinante per la scelta del atom. Non ostante qualche dubbio il lavoro svolto da Wotofo è preciso e curato e il tiro si manifesta davvero fluido senza turbolenze interne e molto bilanciato, un pulito e lineare tiro da flavour che cerca di accontentare tutti i vapers.

Ma come va a livello aromatico? Se è quello che vi state chiedendo, vi dico che funziona molto bene. Il livello è davvero buono soprattutto con i liquidi leggermente più cremosi, infatti il vapore riesce a coprire ed a restituire note davvero ricche e piene, un atom con un vapore grasso ma che non snatura la qualità del liquido ma lo restituisce in maniera chiara e pulita. La piccola camera di vaporizzazione leggermente bombata riesce a creare una miscela area vapore davvero piacevole e tendenzialmente caldo, infatti il camino è molto corto e soprattutto con queste clapton coil si percepisce l’aumentare di calore tiro dopo tiro, per mio gusto non è un problema ma qui è davvero soggettivo e quindi non possiamo valutarlo come un contro. Una soluzione comunque si ha quando si va montare una coil a filo singolo, noi l’abbiamo provata e va davvero bene, attenuando la temperatura e restituendo un vapore comunque ricco aromaticamente. Rimane comunque molto intensa la produzione di vapore e se siete dei sostenitore della nebbia andate pur sicuri che con questo atom ne creerete a banchi! Un piccolo consiglio se non volete stare sempre a refillare sostituite subito il vetro per aumentare la capacità del tank perchè a questo atom piace bere e molto. Certo perderete leggermente la classe estetica dell’atom, ma questo vi permetterà oltre ad avere più capienza, un migliore pescaggio del liquido da parte del cotone visto che va leggermente ad aumentare la distanza tra la vasca ed il vetro e così sarete davvero spensierati.

Dopo diverse prove con diversi liquidi percepiamo una resa costante in tutta la durata del liquido il ventaglio aromatico si apre all’inizio restituendo delle ottime note di testa fino ad arrivare alla parte finale che ci delizia rimescolando i valori aromatici e restituendo un’ottima persistenza del gusto anche a fine svapata.

TO CONCLUDE

Wotofo continua ad immettere sul mercato una vasta gamma di atom dal prezzo contenuto e della caratteristiche sicuramente interessanti volte a conquistare un pubblico sia entry level che ormai esporto, e questo prodotto nato sotto la stessa della collaborazione con SMM è sicuramente la riprova del buon lavoro di progettazione che in casa Wotofo procede spedito e senza grossi intoppi. Un atom semplice e affidabile, impossibile farlo perdere o sbagliare la la rigenerazione e che riesce ad assorbire ogni liquidi restituendolo in maniera chiara, precisa e davvero gustosa. Sicuramente ottimo.

Consigliato a: newbies, skilled and hardcore vapers.

THE FLAVOURIST RESPONSE
  • 9/10
    In the box - 9/10
  • 9/10
    Design & Build Quality - 9/10
  • 9/10
    Features - 9/10
  • 9/10
    Coiling, Wicking and Filling - 9/10
  • 8/10
    Performances and Flavour - 8/10
8.8/10


follow us:
Facebook
Facebook
Instagram
Email
RSS