Nome e formato: Watermelon (Dr. Frost E-liquid)  – Aroma concentrato 20 ml in boccetta da 60 ml – ricevuto dal produttore

Lotto: n.d

Data scadenza: n.d

Base utilizzata: 30 PG / 70 VG

Nico: 0 mg/ml

Devices: SVA Penguin BF + wasp nano RDA  parallel coil  0.25 ohm (26 ga SS316) con Cotton Bacon V 2.0.


Come tutti i media televisivi ci hanno annunciato questa settimana sarà una delle settimane più calde di questa già torrida estate. Chi come noi non può trovare refrigerio recandosi al mare, cosa può fare per rendere più sopportabile questo incredibile periodo? La soluzione proveranno a darvela i vostri fidati amici di The Flavourist. Infatti oggi, dopo un piccolo periodo di assenza, tornemo a parlare di una linea che abbiamo conosciuto all’ormai passato Vapitaly 2018, creati in Malaysia e prodotti in UK, tornano i fruttati ghiacciatissimi della linea Dr. Frost Polar Ice Vapes. Una linea che si adatta esattamente ai nostri obiettivi proponendo degli aromi dalle ricette ben collaudate e di facile interpretazione, non costringendoci a lunghi approcci per comprenderne ogni ingrediente ma ci mette di fronte con molta semplicità un ingrendiente fruttato di base contornato da una sfera ghiacciata, non potendoci aspettare niente di diverso da una produzione comunque che strizza l’occhio agli amati-odiati liquidi malesi che con le loro caratteristiche quali la semplicità e la carica  gelata dividono i vapers tra chi non può farne a meno e chi invece proprio non vanno giù.

Cosi dopo avervi parlato di Orange Mango Ice ecco oggi che torniamo con Watermelon Ice.

Watermelon Ice così presentato ufficialmente:

Loose your head in the frozen watermelon tundra, sweet green icicles are sheered down by Dr. Frost and kept cold for your enjoyment.

Perdi la testa nella tundra di anguria ghiacciata, i dolci ghiaccioli verdi vengono calpestati dal Dr. Frost e tenuti al freddo per il tuo piacere.

La boccetta in nostro possesso è una chubby gorilla da 60 ml e contiene 20 ml di aroma in glicole al quale bisognerà aggiungere 40 ml di glicerina vegetale eventualmente addizionata con nicotona. Il packaging è  molto semplice su uno sfondo traslucido verde inspirato  al colore delle frutta usata come elemento centrale si trova il logo del produttore: un pupazzo di neve con un cilindro in testa che richiama quello usato dai dottori. Il risultato che ci viene restituito è semplice e lineare ma non c’è quel tocco caratterizzante degno di nota. La descrizione invece ci catapulta in maniera più inspirata nel mondo del Dr. Frost ed in maniera simpatica ci presenta gli elementi centrali del liquido: senza ombra di dubbio andremo a “perdere la testa” per  un liquido con una base fruttata al gusto anguria “racchiusa” in cubetti ghiacciati.

Passiamo subito alla prova olfattiva. Watermelon Ice si presenta in maniera garbata le sfumature che derivano dall’anguria sono davvero delicate dall’altro canto personalmente non è mai capitato di percipere un’intesità elevata da un anguria appena tagliata. I tratti che emergono sono sicuramente zuccherini e dolci ma all’apparenza decisamente poco reali aggiungerei irreali. Sicuramente non ci potremo aspettare un gusto che tende alla “vera” percezione del frutto estivo per eccellenza, le componenti aromatiche utilizzate non ci consentono di andare oltre con l’immaginazione perchè si discostano in maniera decisa dalla loro vera  natura. Nel complesso quello che ci rimane impresso è la poca autenticità delle note zuccherine e dell’appena accennata nota del frutto che mi ricorda vagamente le haribo all’anguria avvolte da tanto zucchero ma poco sapore.

Alla prima svapata un brivido ghiacciato ci percorre tutto il corpo, una palla di neve ci viene lanciata dal Dr. Frost e ci congela, risulta talmente preponderante che è come se la nostra mente venisse catapultata in una giornata nevosa invernale, un manto ghiacciato quasi eccessivo che ricopre la svapata dall’inzio alla fine. La sensazione è man mano più aggressiva all’aumentare dei watt, sicuramente un liquido che intorno ai 100 watt ci  trasformerebbe in cubetti di ghiaccio. Rimaniamo in attesa di ricevere qualche cenno di vita da parte dell’anguria che si palesa in maniera poco decisa e sotto forma di zucchero ma non si percepisce con chiarezza nessun richiamo nemmeno “sintetico” al frutto a cui si inspira. Dopo la prova olfattiva non ci aspettvamo certo un liquido con veri estratti di anguria, ma almeno un richiamo più deciso di un aroma riprodotto in laboratorio si. Il frutto viene trasmesso al liquido attraverso l’abbondante presenza di zucchero e quella sensazione dolce riempie comunque il vapore non ricreando gusti spiacevoli ma delicatamente dolci si fa comunque apprezzare.

Sicuramente i produttori non hanno voluto caricare il liquido cercando di bilanciare la componente zuccherina caratteristica centrale dell’anguria, ma il risultato che ci propongono è decisimante sbiadito. L’aroma fruttato si percipisce in maniera distante, quasi distaccata dalla totalità del liquido che trova la sua forza centrale in una nota ghiacciata dirompente arrotondata dalla presenza  zuccherina. Alla fine resta comunque apprezzabile, ma si discosta da quello che i creatori ci avrebbero voluto proporre. Un liquido sicuramente estivo dalle poche pretese che un pò ci lascia con quell’amaro in bocca per l’approccio errato nell’affrontare l’aroma che deriva dal frutto per eccellenzza dell’estate, quello in cui ci rifugiamo dopo una giornata stressante estiva.

Un piccolo consiglio che ci sentiamo di darvi: è sicuramente un liquido che strizza l’occhio a wattaggi medio-alti e che da il meglio spinto su sistemi completamente da cloud.

Diluizione consigliata: circa 33% = aggiungere 40 ml di glicerina vegetale all’interno della boccetta contenente l’aroma.

Tempi di maturazione: Pronto subito.

Pro: Liquido semplice con una nota ghiacciata preponderante.

Contro: E-liquid poco deciso. L’anguria risulta poco incisiva.

Please follow and like us:
Facebook
Facebook
Instagram
Email
RSS