Nome e formato: Amarena (Mr. Gelato) 25 ml – liquido pronto – ricevuto dal produttore

Lotto: 5 060321 120233 (codice a barre)

Data scadenza: n.d

Base utilizzata: 30 PG / 70 VG

Nico: 0 mg/ml

Devices: SVA Penguin BF + wasp nano RDA  parallel coil  0.25 ohm (26 ga SS316) con Cotton Bacon V 2.0.


Nei periodi invernali i gusti dei vapers tendono a cambiare ed a modificarsi anche in relazione delle temperature sicuramente più basse e meno gradevoli, un pò come per chi dopo esseri abbuffato in estate di gelato, nei periodi freddi “abbandona il cono” in favore di una bella tazza di cioccolata calda. Ma noi del team di TheFlavourist non apparteniamo a questa categoria, a noi il gelato piace sempre! Ed è proprio per questo che abbiamo deciso di prendere in esame un e-liquid che sicuramente strizza l’occhio al periodo estivo, ma che vogliamo scoprire  insieme a voi, anche in questi giorni decisamente meno miti. Quindi torniamo a parlare dei liquidi brandizzati Mr. Gelato prodotti in Inghilterra e che ha come, potete immaginare dal nome, obiettivo quello di emulare i più famosi gusti del mondo della gelateria. Vi abbiamo parlato negli scorsi mesi di Forest Fruit e di Raspberry Ripple oggi continuiamo con il terzo dei quatto Amarena.

Amarena è così descritto ufficialmente dai produttori:

Best enjoyed al fresco, delectable glacé cherries are twisted and turned into a rich syrup then gently folded into a heavenly vanilla ice cream. ‘Prego!’

La cosa migliore è stata apprezzare al fresco, le deliziose ciliegie glacé sono intrecciate e trasformate in uno sciroppo ricco, poi piegate delicatamente in un celestiale gelato alla vaniglia. ‘Prego!’

Una descrizione sicuramente simpatica che nella versione originale inglese, inserisce alcune parole italiane, facendo onore alla nostra tradizione di maestri gelatai. Dopo questo piccolo intermezzo notiamo però una piccola dissonanza tra il nome Amarena e la descrizione nella quale troviamo scritto cherries, quindi già possiamo iniziare ad immaginare: il gusto che sarà tendenzialmente più dolce e meno aspro/amarognolo. Appunto le due principali differenze a livello di gusto tra i due frutti.

La boccetta in nostro possesso è una mini chubby gorilla da 25 ml ed ha un’etichetta molto vivace e colorata con una simpatica grafica da fumetto, che raffigura un baffuto gelataio che si compiace delle sue creazioni lisciandosi i lunghi baffi. L’etichetta inoltre mette in risalto il nome del brand ed in una lunga bandiera d’orata inserisce il suo nome. Tutto molto semplice ma di sicuro impatto, immediato ed accattivante!

La prova olfattiva offre subito spunti aromatici molto interessanti, riuscendo a primo impatto a restituire al naso una gustosa sensazione di un gelato alla vaniglia con una copertura di ciliegia. Molto percettibile risulta la grassa cornice cremosa che pone l’accento su un grande uso della vaniglia che sicuramente si conferma alla base della costruzione aromatica e quindi della ricetta. Da questa base risulta spiccare un deciso e pungente sentore di ciliegia, molto dolce ma tendenzialmente poco acidula. L’aroma ciliegia ricorda molto da vicino l’aromatizzazione utilizzata dall’industria gelatiera per confezionare questo tipo di gelato molto apprezzato e tra i più richiesti. Si tratta dunque di un aroma industriale, senza lode e senza infamia.

Il primo impatto con il gusto di questo eliquid è sicuramente positivo, un letto cremoso, intenso e aromaticamente marcato, si apre di fronte a noi in fase di inspirazione, subito veniamo coccolati da dolce e grasse sensazioni burrose e vanigliate dovuta, a nostro gusto, da una piacevole congiunzione aromatica tra una parte di vaniglia e una parte di panna montata. Subito notiamo la grande esperienza dei maestri aromatieri inglesi che con un aggiunta leggera, immaginiamo di koolada, riescono a conferire a questa base di gelato vanigliato una sensazione fresca che inganna le nostre papille trasmettendo proprio la sensazione di gustare un gelato appena servito. La sensazione non è eccessiva ma tutto è ben calibrato e bilanciato ed infatti l’effetto suscitato è sicuramente di impatto. Continuando il nostro percorso ci accorgiamo che risulta tendenzialmente debole il secondo principale ingrediente che rende il gelato così gustoso, la dolcezza. Sicuramente in queste prime fasi non percepiamo una eccessiva dolcezza ma bensì un giusto bilanciamento che non esalta il sapore della base ma tende quasi a concentrare i suoi punti di forza su altro, tralasciando, questo aspetto che forse andava curato maggiormente.

La boccata rimane leggera e  morbida in ogni suo frangente, e tende piano piano a riempirsi di rosei sentori di aroma alla ciliegia. Sicuramente meno presenti che a livello olfattivo, rimangono comunque presenti ed apprezzabili e ne riusciamo a catturare quale caratteristica come la delicata dolcezza ma nessuna nota acidula o elementi che riescano a stupirci. La ciliegia sfiora leggermente la base e la “sporca” leggermente senza però stupire o convincere.

Amarena è una ricetta che non fa gridare al miracolo aromatico, e seppur nell’insieme l’idea non ci è sembrata male e la risultante sia una sensazione piacevole e invitante, in generale però non ritroviamo nel prodotto finale le promesse che sono state fatte nella descrizione rilegando l’eliquid su una scala qualitativa relativamente bassa. La nota positiva è sicuramente quel tocco di fresco ben riuscito ma non può bastare per trasformare una base cremosa in un gelato.

 

 

 

 

 

Pro: Apprezzabile il tocco di classe per trasformare la base cremosa in simil-gelato.

Contro: Ingredienti sotto la media.

follow us: