hgv-logo

Recensione Aroma: Barbwire Plank (HVG) 20 ml

Lotto: BWK-002

Data scadenza: 03/2017

Base utilizzata: 30% PG – 70% VG

Nico: 0 mg/ml

Devices: Joyetech Cuboid 150W + Aromamizer RDA (Kanthal A1 0.4 mm) 0.4 ohm con cotone organico giapponese.


La recensione odierna riguarderà un altro aroma del marchio HVG di The Fuu. Dopo avervi parlato di Spiked Bat, oggi è la volta di Barbwire Plank, la tavola con il filo spinato.

Devo subito fare una correzione in merito al materiale della boccetta dell’aroma che, contrariamente a quanto scritto nell’articolo dello Spiked Bat, non credo si tratti di PET bensì di polietilene ad alta densità (HDPE), materiale un po’ meno rigido rispetto al PET. Come avevamo già detto nella precedente review la boccetta contiene  20 ml di aroma,  possiede una chiusura childproof e un contagocce. L’etichetta riporta informazioni sul produttore, sul contenuto e la composizione e le consuete raccomandazioni e precauzioni d’uso.

barbwire-plank-HVG01

Sul sito ufficiale del produttore Barbwire Plank viene presentato così:

C’est en vous retranchant dans un Starbucks que vous avez repéré un bidon de sirop pour Latte Machiatto. A l’aide de votre arme du moment, une planche dont vous avez recouvert l’extrémité de barbelés, vous avez ensuite réussi à vous introduire dans une épicerie Bio ou vous avez pu récupérer du Muesli. Tenaillé par la faim, vous mélangez le tout avec une pointe de lait concentré. Surprise, c’est bon et ça se vape super quand on attend l’aube pour aller chercher refuge ailleurs.

Rifugiandovi in uno Starbucks avete recuperato un barattolo di sciroppo per il Latte Macchiato. Con l’aiuto della vostra arma di fortuna sulla quale estremità avete messo del filo spinato siete riusciti ad introdurvi in un una drogheria dove avete recuperato del muesli. Torturati dalla fame avete mescolato tutto con una po’ di latte concentrato e sorpresa… E’ buono e si svapa alla grande fin tanto che si attende l’alba per andare a cercare rifugio altrove.

The Fuu è indubbiamente tra le aziende più dinamiche, interessanti e innovative che ho avuto il piacere di incontrare in questi ultimi mesi nel panorama europeo dei produttori di e-liquid;  per esempio, in fatto di presentazione dei prodotti, mostra una capacità creativa decisamente elevata ed è in grado di suscitare aspettative e forte interesse tra i vapers. La descrizione di Barbwire Plank è un altro fiore all’occhiello dell’azienda parigina, una descrizione che ci regala un’ immagine del prodotto quanto mai invitante.

Mi affretto senza indugio ad annusare il contenuto della boccetta per lasciarmi avvolgere dai suoi sapori “primari”.

Scopro che Barbwire Plank denota una specie di sentore caffeinato. Sì, caffeinato, perchè l’utilizzo del termine caffè sarebbe azzardato e oltre modo improprio in questa circostanza. Sembrerebbe una specie di caffè macchiato, tipo cappuccino per intenderci, ma si porta dietro una nota acidula tutt’altro che esaltante.

Indagherò a fondo, ma intanto da queste prime battute mi rendo conto che per un vaper italiano ed il suo amato caffè espresso questo è un terreno minato e la prova di svapo sarà  determinante per fugare i dubbi insorti su questo HVG.

barbwire-plank-HVG02

Mettiamo le cose in chiaro: lo svapo ci offre un prodotto che non si discosta dai sentori olfattivi. Delusione.

Le note di testa ci offrono una sorta (o forse dovrei dire una sottospecie) di caffè (per giunta amaro) in pieno stile americano che ci proietta tra i suadenti profumi di uno Starbucks dove ritroviamo pseudo caffè conditi nelle più svariate “salse anglosassoni”. Una confusione ed uno stordimento totale!

Su questo “coffee starbucksiano” si inserisce un retrogusto di latte. Forse… Il tutto dovrebbe ricreare il profumo di un buon latte macchiato o di un cappuccino o forse di un frappuccino o ancora di un caffè mocha. Beh, il menu di uno Starbucks è ricco e variegato eheheh. Il punto è che non basta dire frappuccino per sviare alle mancate note di vero caffè. Il frappuccino dello starbucks non è spigoloso come questo Barbwire Plank, anzi…

Sembrerò noioso ma per un vaper italiano e più in generale per chi apprezza e si aspetta note di caffè espresso da questo aroma, ci vuole una buona dose di immaginazione per ritrovarle. E ahimè non è sufficiente nemmeno quella.

Inoltre in base alla descrizione, ci aspetteremmo di incontrare dell’altro all’interno della composizione aromatica di Barbwire, per esempio il gusto dei cereali o del muesli, ed invece la nota dominante è sempre quella di un caffè americano amaro su un fondo di presunto di latte. Ma ‘sto latte, credetemi, è acidulo ed è inevitabile non associarlo ad un qualcosa a base di formaggio. Non ci siamo proprio.

Potrei dirvi che forse nella fase di espirazione fa capolino un leggera presenza che ricorda (lontanamente) un mix di cereali, niente di miracoloso, potevo anche ometterlo ma per onor di cronaca andava detto. Se proprio volete credere che ci siano, dovreste sentirli appunto in esalazione.

In generale il mix è poco aggraziato anche se va detto che la sensazione di amaro e di “sgraziato” è tanto più forte quanto più tenderete a chiudere il tiro riducendo i watt. Quindi un consiglio: svapatelo con sistemi super ariosi e ad alti wattaggi perchè tende ad ammorbidirsi e a risultare più gradevole. E non è finita qui, voglio dare i numeri: non meno di 50 watt e vedrete che, a patto di dimenticarvi di sentire il sapore del caffè espresso, questo e-liquid pur senza far strabuzzare gli occhi sarà in grado di accompagnarvi almeno per qualche decina di ml.

Diluizione consigliata: 12-15%

Tempo di maturazione:  min 7 gg

ico 2

Pro: Passabile in cloud chasing.

Contro: Alla ricerca del caffè perduto…

follow us:
Instagram
Twitter
Visit Us
Follow Me
RSS