Forz TX80 Vaporesso – Recensione

Forz TX80 Vaporesso – Recensione

Vaporesso Forz TX80, un kit resistente a tutto!

In Cina pare che la tendenza del momento sia quella di produrre device per lo svapo resistenti all’acqua, alla polvere e agli urti. La prima azienda che ha lanciato sul mercato un prodotto con queste caratteristiche è stata Geekvape, riscuotendo subito un ottimo successo con la sua linea Aegis. Ora anche Vaporesso si presenta con la sua prima mod certificata IP67 e lo fa proponendo un kit sicuramente interessante: il Forz TX80 kit che, almeno per la parte riguardante la mod, fa chiaramente il verso alla linea Aegis di Geekvape. Prima di iniziare con la recensione vera e propria del kit Forz TX80, come sempre diamo un occhio al contenuto della confezione.

FORZ TX80 CARATTERISTICHE E CONFEZIONE

CARATTERISTICHE

  • Nome: Forz TX80 (Vaporesso) – Kit con Atomizzatore Forz Tank
  • Formato: Mod con Batteria esterna 18650 e atomizzatore a testine
  • Max Power: 80 Watt
  • Colori:  Steel blue, Gunmetal grey, Imperial red, Brick black, Leather brown
  • Prezzo: ~ € 59

CONFEZIONE

  • 1 x Forz TX80 Mod
  • 1 x Forz Tank 25 (4.5ml)
  • 1 x GTR 0,15ohm mesh coil (pre installata)
  • 1 x GTR 0.4ohm mesh coil
  • 1 x Cavo USB Type C USB
  • 1 x Tappo per drip tip in silicone
  • 1 x Vetro di ricambio (4.5ml)
  • 4 x O ring di ricambio
  • 1 x Cacciavite
  • 1 x Tappo USB in silicone
  • 1 x Forz badge
  • 1 x Manuale utente
  • 1 x Carta di garanzia

Vaporesso Forz TX80 confezione

DESIGN E QUALITA’ COSTRUTTIVA

Vaporesso si distingue ormai da anni per essere un produttore di hardware all’avanguardia sia sotto il profilo dell’innovazione tecnologica che sotto quello meramente estetico. Come abbiamo detto nelle righe introduttive, è innegabile che la mod Forz TX80 sia nell’aspetto molto simile alla sua dirette concorrenti Aegis Max, o ancor di più Aegis Solo, cosa peraltro comprensibile se si considera che probabilmente nelle intenzioni del produttore ci sia proprio la volontà di concorrere in quella determinata nicchia di mercato. Ciò che c’è da chiedersi è se la Forz TX80 sia in grado di aggiungere qualcosa di nuovo rispetto alle concorrenti che l’hanno preceduta.

A mio parere, sotto il profilo estetico, la Forz TX80, pur lo ripeto, ricordando molto i modelli Aegis di Geekvape, è una mod di assoluta bellezza ed eleganza. Il design, l’abbinamento dei colori e dei materiali e le finiture satinate appaiono studiate in ogni particolare, tutto punta alla perfezione. Ma la Forz non è solo estetica, in quanto anche la sua qualità costruttiva appare da top di gamma: la scocca in lega di zinco a cui si aggiunge una copertura gommata laterale, un dorso in pregevole pelle e un frontalino in lega d’argento spazzolato, il tutto senza la presenza di imperfezioni o sinistri scricchiolii. C’è tanta qualità in questo prodotto.

I pulsanti presenti sulla parte anteriore della mod sono anch’essi stati concepiti con intelligenza oltre ad essere esteticamente molto gradevoli; è presente solo un impercettibile movimento laterale degli stessi che non compromette comunque la loro affidabilità. In definitiva la mod appare concepita davvero molto bene, assemblata con estrema precisione e più che mai gradevole per la sua compattezza e il peso non eccessivo. Quando si dice che l’allievo supera il maestro… Eh si perchè la Forz TX80 a mio modo di vedere è superiore alla Aegis Solo sia per design che per qualità costruttiva.

Spostandoci sul versante tank, c’è da dire che anche per il secondo elemento di questo kit, e credetemi non accade molto spesso, sia stata dedicata la giusta attenzione al fine di realizzare un prodotto con alcune interessanti novità; su tutte il rivestimento gommato del Forz tank che gli conferisce una buone dose di robustezza e resistenza agli urti. Non manca però qualche piccola imperfezione sul Forz tank, cosa che mi porta a non considerarlo un prodotto top di gamma (ad esempio la filettatura della base è alquanto rumorosa e il drip tip ha gli o-ring un po’ laschi), anche se in definitiva l’atomizzatore risulta essere stato comunque ben concepito e realizzato.

ERGONOMIA E PORTABILITA’

La premessa doverosa che va fatta prima di parlare dell’ergonomia e della portabilità del kit Forz TX 80 è che si tratta di un kit pensato e studiato per svapatori con un’esperienza di svapo medio-avanzata. In questo senso un kit che complessivamente è alto 138 mm, largo circa 38 e che ha uno spessore di poco meno di 30 mm, può ritenersi un prodotto piuttosto compatto nell’ambito dei kit da svapo di polmone. Se poi si esclude il Forz tank, si nota anche meglio quanto minuta sia la sola mod con i suoi 84,5 mm di altezza e un peso con batteria 18650 di circa 167 grammi (122 grammi il peso a vuoto). Direi che nell’ambito delle box mod circuitate siamo a un livello buonissimo di portabilità.

Allo stesso modo è impossibile non apprezzare le forme sinuose e perfettamente studiate che ci regalano un’impugnatura più che mai solida e comoda. E’ davvero un piacere tenere tra le mani la Forz TX80!  Molto buona anche la maneggevolezza seppure mi pare doveroso notare che i pulsanti “+” e “-” parecchio ravvicinati, e lo stesso tasto funzione subito sotto, per le loro dimensioni minute, non siano la soluzione migliore per i vaper con mani abbastanza grandi. Direi che sotto questo aspetto, Vaporesso ha puntato un pochino più sull’estetica che sulla praticità di accesso.

Vaporesso Forz TX80 kit

FORZ TX80 FUNZIONI E PRESTAZIONI

La mod Forz TX80 è in grado di erogare fino a 80 watt servendosi di una batteria esterna 18650.  Il dispositivo possiede una porta USB type-C con una ricarica da 2A ma come sempre però ricordo che in presenza di batterie esterne 18650, è consigliabile e preferibile utilizzare un caricatore da tavolo. Sulla Forz TX80, Vaporesso ha inserito il circuito proprietario Axon Chip 2.0, che rispetto al già efficiente e ricco di funzioni Axon Chip prima versione, possiede l’interessante novità del F(t) mode.

Di cosa si tratta? E’ una nuova modalità che si aggiunge alle già numerose presenti, che sostanzialmente modifica il voltaggio e il calore del vapore erogato all’interno di un determinato range di tempo. Dunque all’atto pratico, una volta stabilito il wattaggio della svapata, l’F(t) provvede a fornire brevi, graduali e progressivi incrementi di calore al vapore nei secondi di durata della boccata.

Vaporesso Forz TX80 in mano

Nel testare personalmente questa modalità ho notato che l’F(t) funziona molto bene specie a potenze basse. Personalmente ad esempio, essendo solito svapare intorno ai 15 watt, con l’F(t) mode attivato ho raggiunto le stesse percezioni e soddisfazioni aromatiche con soli 13 watt di potenza. Il discorso cambia radicalmente se le potenze sono più alte, perchè in questo caso mi è parso che l’F(t) mode incida molto meno rispetto a una classica impostazione vari watt.

Vaporesso Forz TX80 rivestimento in pelle

Il display della Forz TX80 si trova sulla parte anteriore della mod, ha una dimensione di 0,69″, è molto luminoso ma non è a colori. Sopra il display è posizionato il pulsante fire di forma rettangolare, sotto il display ci sono i pulsanti “+” e “-” e il pulsante “mode” anch’essi rettangolari. La box si accende/spegne con la canonica sequenza di 5 click ravvicinati del tasto fire mentre con 3 click ravvicinati dello stesso tasto si attivano/disattivano i tasti funzione. La mod può ospitare atomizzatori fino a 25 mm di diametro e possiede un pin flottante che, in seguito a innumerevoli prove empiriche fatte, non fa alcuna fatica a riconoscere qualsiasi tipo di atomizzatore.

Si è detto che il circuito Axon 2.0 possiede la grande novità della funzione F(t) analizzata all’inizio di questo capitolo, ma esattamente come l’Axon prima versione non mancano sul nuovo chip tutte le altre numerose funzioni tipiche di questo circuito.

Vaporesso Forz TX80 mod 510 pin

Ecco l’elenco di tutte le modalità delle quali è provvista la Forz TX80 con il chipset Axon 2.0:

  • F(t) mode;
  • Pulse mode;
  • Power Eco;
  • Smart TC;
  • DIY Mode con variwatt, varivolt, controllo temperatura, curva di wattaggio personalizzata, modalità bypass e super player.

Per chi desidera approfondire sulle caratteristiche di queste funzioni, rimando alle recensioni dei modelli Gen e Gen S.

Vaporesso Forz TX80 tank

FACILITA’ D’USO

Rispetto alla prima versione dell’Axon, non cambia l’approccio molto intuitivo che facilita qualsiasi azione ed interazione con la box: tutto è estremamente facile con l’Axon chip 2.0. Oltre al tasto di erogazione, sono presenti tre tasti funzione al di sotto del display, un sistema che semplifica notevolmente i settaggi delle funzioni della box. Il pulsante più in basso, permette di accedere al menu impostazioni (tre click ravvicinati) e di confermare ogni scelta effettuata. Con i pulsanti “+” e “-” invece ci si sposta tra le varie voci di menu. Tutto davvero estremamente semplice.

FORZ TANK Tank 25 mm – AROMA

In questo Kit alla mod appena analizzata è stato abbinato il nuovo atomizzatore Forz tank da 25 mm (capienza 4,5 ml nella versione standard e 2 ml nella versione TPD). Si tratta di un atomizzatore dalle linee standard ma che si presenta con due interessanti novità: il rivestimento gommato (con quattro aperture per il controllo del livello di liquido) per proteggerlo dagli urti e dalle cadute accidentali e la nuova serie di testine GTR realizzata proprio per questo nuovo tank.

Il Forz tank possiede un utile tappo in silicone per proteggere il drip tip, è alto 52 mm, ha un diametro comprensivo del suo rivestimento di 27 mm e pesa poco più di 64 grammi. Grazie proprio alla protezione esterna in gomma, questo tank trasferisce un deciso senso di robustezza.

Il Forz tank è un atomizzatore top refill; il top cap è a vite a un quarto di giro e funziona senza problemi di sorta. Le asole di riempimento del liquido sono due e hanno una larghezza di circa 10 mm e sono ottime per qualsiasi tipo di boccetta. Il drip tip ha un attacco 810 (leggermente ballerino) e il foro ha un diametro di 6,0 mm in entrata e di 8,1 mm in uscita. Il pin di questo tank è placcato in oro e sporge davvero pochissimo, il che induce a sconsigliarne in tutti i modi l’utilizzo su mod meccaniche. Alla base del tank infine, è presente una ghiera per la regolazione dell’aria con una tripla asola (completamente parzializzabile e dotata di fine corsa) dalle dimensioni di 10,3 x 2,5 mm.

Sul versante coil, diamo ora uno sguardo alla nuova serie GTX creata da Vaporesso. Nella confezione sono presenti una mesh coil da 0,15 ohm e una seconda mesh coil da 0,4 ohm. Le coil GTX sono state studiate appositamente per uno svapo di polmone e grazie alle loro grandi asole di pescaggio liquido, possono vantarsi di avere una produzione di vapore davvero notevole.

Una seconda importante ed efficace novità introdotta con queste nuove coil è rappresentata dalla realizzazione di una struttura anti-perdite di liquido. Entrambe le coil (realizzate con un doppio strato di cotone organico) vengono dichiarate dal produttore ideali per i seguenti range di svapata: 60-80 watt per la 0,15 ohm e 40-60 watt per la 0,4 ohm.

Vaporesso Forz TX80 mod

Per la sostituzione delle coil bisogna svitare la base del tank ed estrarre la testina alloggiata a pressione con l’ormai sempre più diffuso sistema “plug & play”. A onor del vero va detto che la rimozione della testina mi è apparsa un po’ difficoltosa per la mancanza di una presa sicura e solida; per fortuna all’interno della confezione c’è lo strumento per lo smontaggio del vetro del tank che ci viene in soccorso anche per effettuare questa operazione.

E dal punto di vista aromatico? Sotto il profilo delle prestazioni aromatiche a mio parere queste coil non sono ancora da considerarsi al top. Credo che entrambe siano ancora un pochino al di sotto della qualità raggiunta con alcune delle coil della serie GTX (specie quelle ideate per range di svapata medio-bassi). Entrambe garantiscono una produzione di vapore incredibile, la 0,15 ohm però, oltre ad essere parecchio rumorosa, risulta anche troppo esosa in termini di consumo di batteria, e quindi in definitiva, al momento credo che tra le due sia da preferire la mesh coil da 0,4 ohm che, in linea generale riesce a restituire intorno ai 50 watt una buona intensità aromatica e una piacevole rotondità di gusto.

FORZ TX80 CONSIDERAZIONI FINALI

Il nuovo Kit Vaporesso Forz TX80 presenta aspetti molto positivi ed altri probabilmente da rivedere nel breve periodo. La mod è qualitativamente perfetta e oggettivamente bellissima, molto più della sua diretta concorrente Aegis Solo. Forse le funzioni presenti sul circuito cominciano ad essere un po’ troppe e con poche differenze distinguibili. Mi sentirei di consigliare a Vaporesso di concentrarsi su meno modalità sviluppandole al meglio.

Il Forz Tank così come è stato concepito è molto interessante ma le sue coil (apprezzabili nel rendimento aromatico) chiedono troppo al circuito Axon 2.0 equipaggiato solo con una 18650. Sarà perchè sono italiano, e in quanto tale amante dello svapo di guancia, ma più che mai questa volta penso che un atomizzatore MTL ben concepito farebbe le fortune di questa mod. Lo vedremo in futuro?

—–

Consigliato a: Skilled and Hardcore vapers.

THE FLAVOURIST - RESPONSO
  • 9.5/10
    Forz TX80 caratteristiche e confezione - 9.5/10
  • 9.5/10
    Design e qualità costruttiva - 9.5/10
  • 9.5/10
    Ergonomia e portabilità - 9.5/10
  • 9/10
    Funzioni e prestazioni - 9/10
  • 9/10
    Facilità d'uso - 9/10
  • 8/10
    Forx tank - aroma - 8/10
9.1/10


Luxe PM40 Pod Mod Vaporesso – Recensione

Luxe PM40 Pod Mod Vaporesso – Recensione

Nome: Luxe PM40 (Vaporesso) – Pod Mod

Tipo: Pod Mod

Colori: Black, Carbon fiber, Jade, Lava, Silver

Prezzo: ~ € 40


Con la nuova Luxe PM40 Vaporesso sfida una delle pod mod di maggior successo

Vaporesso ha di recente lanciato un altro pod system, la Luxe PM40 che, è inutile nasconderlo, si ripromette di sfidare senza mezzi termini una delle pod mod di maggior successo sul mercato. Ricordo che per nostra politica redazionale, all’interno di una recensione di un prodotto, non vengono mai citati prodotti simili o concorrenti di altri brand e dunque perdonatemi se anche in questa circostanza non nominerò il prodotto al quale la Luxe PM40 fa il verso. I vaper più esperti non avranno difficoltà a comprendere di quale prodotto si tratti, ma in questa sede ciò che più mi preme è analizzare e testare la nuova creazione di Vaporesso e giudicarla indipendentemente da confronti con altri sistemi.

Inizio come di consueto, riportando il contenuto della confezione del prodotto ricevuto.

LUXE PM40 CONFEZIONE

1 x LUXE PM40 Batteria
2 x LUXE PM40 Pods (4ml)
1 x GTX 0.6 ohm Mesh COIL
1 x GTX 0.8 ohm Mesh COIL
1 x Cavo USB type-C
1 x Manuale utente
1 x Carta di garanzia

DESIGN E QUALITA’ COSTRUTTIVA

Con la Luxe PM40 Vaporesso ha realizzato un device che, dal mio punto di vista, ha le classiche forme e sembianze di una pod mod. Quando penso a una pod mod infatti, immagino un device con la forma più o meno simile a quella di un pennarello evidenziatore, dall’aspetto compatto ma non propriamente minuto e che trasmetta al tempo stesso una sensazione di solidità e robustezza. La Luxe PM40 di Vaporesso incarna esattamente queste caratteristiche, con un tocco stilistico ricercato e moderno.

La pod mod è costruita presumibilmente in lega di zinco (il produttore non ha fornito indicazioni in merito) e possiede una qualità costruttiva a mio parere elevatissima, con rifiniture a dir poco sublimi. Sotto il profilo estetico, pur non presentando un design innovativo in quanto, come detto in precedenza, il sistema si ispira per ovvi motivi di concorrenza alla pod mod di un altro famoso brand asiatico, la Luxe PM40 presenta una livrea incredibilmente elegante e quanto mai accattivante. Il modello color “lava” in mio possesso vi assicuro che è bellissimo e assolutamente non pacchiano. Luxe PM40 insomma rispecchia in pieno tutta la qualità e il senso estetico che da anni contraddistingue i prodotti Vaporesso.

CARATTERISTICHE

Luxe PM40 misura  96,3 x 30,4 x 21,3 millimetri, ha un peso di circa 93 grammi ed è equipaggiata con una batteria integrata da 1.800 mAh. Sulla parte bassa della mod è presente una porta USB type-C da 2A per la ricarica della batteria, che ho stimato essere intorno ai 65 minuti (non velocissima). Lateralmente è presente un display in bianco e nero da 0,69″ (35 x 10 mm) riportante il valore della coil, il numero dei puff e il livello di carica della batteria (visualizzato sia con la classica icona che anche numericamente in percentuale). Dal suo nome è facile intuire che il dispositivo può raggiungere un massimo di 40 watt.

Il circuito che gestisce l’erogazione della mod è l’Axon chipset di Vaporesso, un circuito molto performante di cui ho ampiamente parlato in precedenti recensioni del produttore. Sulla Luxe PM40 è stata installata una versione molto semplificata dell’Axon chip che consente all’utente di agire solamente sulla regolazione della potenza di svapo oltre che ovviamente sull’accensione e spegnimento del dispositivo.

L’operazione di regolazione dei watt si effettua premendo rapidamente per tre volte il pulsante fire (unico pulsante di cui è provvista la pod mod) e, al lampeggiamento dell’indicatore del wattaggio, si dovrà premere nuovamente sul pulsante fino a raggiungere la potenza desiderata. Terminato il settaggio dei watt, dopo 5 secondi il circuito torna automaticamente in blocco per impedire accidentali variazioni dei watt, ferma restando la possibilità di erogare. 

Un altro importante elemento di cui è munita la Luxe PM40 è una piccola leva per la regolazione dell’airflow posta sul lato opposto rispetto al pulsante fire. Questa leva scorre lateralmente (anche se va detto che lo scorrimento non è tra i più fluidi) da sinistra verso destra (e viceversa) e va a parzializzare l’apertura di tre piccole fessure laterali (una su un lato e due sul lato opposto) per l’ingresso dell’aria.

Come già osservato nel caso della pod mod XROS, l’airflow control della Luxe Pm40 modifica solo sensibilmente l’ariosità del dispositivo, all’interno di un range piuttosto limitato d’azione, che oscilla tra un classico flavor chasing e un tiro di guancia mediamente arioso, in parte dovuto anche a un drip tip (materiale PCTG) dalla forma a conchiglia con un foro di uscita abbastanza generoso.

Vaporesso Luxe PM40

In merito al comparto pod, in dotazione vengono fornite due pod trasparenti (capienza 4 ml nella versione standard e 2 ml in quella TPD) e due mesh coil della serie GTX di Vaporesso del valore di 0,6 ohm (range 20-30 watt) e 0,8 ohm (range 12-20 watt). La pod della Luxe PM40 presenta una novità costruttiva molto interessante che il produttore definisce “e-liquid self-circulation system” e che sostanzialmente prevede la presenza di una doppia camera, una più in alto per ospitare il liquido e una più in basso dove si fissa la parte inferiore della coil con i suoi due o-ring.

POD E REFILL LIQUIDO

La pod si inserisce all’interno del suo alloggio senza l’utilizzo di magneti ma semplicemente ad incastro; il sistema è efficace sia in termini di stabilità che di ancoraggio e inoltre non è necessario seguire un preciso verso di inserimento. Le coil dal canto loro sfruttano l’ormai diffusissimo sistema push and pull per inserirsi ed essere rimosse dalla cartuccia e questo, unitamente alla nuova struttura a doppia camera della pod, consente di ridurre praticamente a zero l’annoso problema di condensa che affligge la stragrande maggioranze dei pod system in circolazione. Dopo una settimana di costante utilizzo la mia Luxe PM40 è perfettamente asciutta.

Per procedere all’inserimento del liquido all’interno della pod, Vaporesso ha riutilizzato il sistema del refill della XROS. E’ necessario pertanto rimuovere il cappuccio/drip tip nero della stessa tirando verso di se. Il sistema è a scatto e se nel caso della XROS per via delle sue dimensioni più contenute, era risultato non praticissimo, con Luxe PM40 la rimozione del drip tip è semplice e agevole. Una volta rimosso il drip tip, si può procedere con il refill del liquido servendosi del foro con membrana posto su un lato della cartuccia (è presente anche un piccolo foro di sfiato dell’aria per agevolare l’ingresso del liquido).

PERFORMANCE E AROMA

Un elemento di grande pregio della Vaporesso Luxe PM40 è senza dubbio la capacità e la durata della sua batteria, lodevole specie se ovviamente si utilizza il device a wattaggi non troppo elevati. Essendo personalmente un amante dello svapo in MTL, ho potuto verificare con la coil da 0,8 ohm un autonomia di parecchie ore o in termini di liquido svapato di quasi due ricariche complete (tra i 6 e gli 8 ml oscillando all’interno di un range di watt tra 12 e 16 watt. Ho provato anche la coil da 0,6 ohm attestandomi in un range tra i 25 e i 30 watt; con questa configurazione sono riuscito a svapare circa 4-5 ml di liquido prima di dover ricaricare la mod.

Il tiro della Luxe PM40 è molto pulito e lineare ma non tra i più silenziosi in circolazione; a wattaggi bassi e aria completamente chiusa corrisponde un tiro più silenzioso e viceversa. L’hit è più che accettabile anche con concentrazioni di nicotina molto basse o nulle.

Dal punto di vista aromatico, Vaporesso Luxe PM40 è un eccellenza assoluta all’interno del vastissimo comparto dei pod system. Le coil della serie GTX (più o meno tutte) sono una garanzia assoluta in termini di ampiezza e resa aromatica in generale. Il vapore è corposo (specie oltre i 20 watt) ma non troppo grasso e questo fa si che questa pod mod, seppure non in grado di offrire un tiro di guancia molto chiuso, si presti piuttosto bene anche con liquidi tabaccosi sia sintetici che con organici distillati, di grande successo in questo momento nel nostro paese. Non ho dubbi, Luxe PM40 è un device senza pecche e con molti plus.

LUXE PM40 GIUDIZIO FINALE

Non ho dubbi, Luxe PM40 è un device senza pecche e con molti plus, offre insomma qualità e prestazioni super. La ritroverete di sicuro nella top ten di The Flavourist delle migliori pod mod per rapporto qualità/prezzo anche se al momento pare sia commercializzata ad un prezzo leggermente sopra la media di mercato. A volte può valer la pena spendere qualcosina in più per un prodotto sostanzialmente privo di difetti e più che mai performante.

Consigliato a: newbies, skilled vapers.

THE FLAVOURIST RESPONSE
  • 9/10
    Confezione - 9/10
  • 10/10
    Design e Qualità costruttiva - 10/10
  • 9/10
    Caratteristiche - 9/10
  • 10/10
    Pod e Refill liquido - 10/10
  • 9.5/10
    Performances e aroma - 9.5/10
9.5/10

Hannya Nano Pod Mod (Vapelustion)

Hannya Nano Pod Mod (Vapelustion)

Nome: Hannya Nano (Vapelustion) – Pod Mod – ricevuto da Heavengifts

Tipo: Pod Mod

Colori: Black, White

Prezzo: ~ € 35


Hannya Nano: una grande confezione per una piccola pod mod

L’oggetto della mia recensione odierna è una pod mod minuta e compatta realizzata dall’azienda cinese Vapelustion che si è affacciata solo di recente sulla grande scena internazionale del vaping, e che oggettivamente è ancora molto poco conosciuta in Italia e in generale sul mercato europeo. Il device che mi accingo a recensire si chiama Hannya Nano e, a giudicare dalla confezione, peraltro davvero grande e piuttosto curata per le dimensioni dell’oggetto contenuto al suo interno, mi sembra subito abbastanza evidente che questo pod system sia stato pensato principalmente per il mercato asiatico e anche per un pubblico mediamente giovane.

Ma procediamo con ordine e cominciamo a esaminare il contenuto della confezione del prodotto ricevuto.

IN THE BOX

1 x Hannya Nano mod
2 x Pannelli aggiuntivi di metallo
1 x Cavo USB Type-C
1 x Manuale utente
1 x Laccetto a tracolla
1 x Pod 1,2 ohm

DESIGN AND BUILD QUALITY

Se siete amanti delle arti grafiche tradizionali giapponesi, dei manga o degli anime tipici della cultura orientale, allora sicuramente questo prodotto dal punto di vista estetico potrà catturare la vostra attenzione, anche perchè non passa certo inosservato il suo design così appariscente e oltremodo colorato. Hannya Nano ha una classica forma rettangolare con angoli smussati, ma va detto che nonostante le piccole dimensioni non è certo un prodotto dallo stile minimal e sobrio! Dal punto di vista costruttivo la mod ha il corpo in lega di zinco con un rivestimento di plastica, mentre i pannelli laterali (rimovibili anche se non proprio con facilità) sono realizzati in materiale metallico. La sensazione generale, anche per via del suono “plasticoso” della mod una volta impugnata, è quella d’essere alle prese con un oggetto estremamente entry level e quasi un po’ giocattolo.

FEATURES

Hannya Nano misura 66 x 49 x 14 mm, ha un peso di circa 65 grammi con una batteria integrata da 600 mAh. Siamo dinanzi ad un prodotto che sicuramente fa della compattezza e della maneggevolezza la su arma principale, ma non si può non far notare che esistono in commercio dispositivi altrettanto compatti, più leggeri e dotati di batterie con maggiore autonomia.

Il device si ricarica tramite porta USB type-C e una spia luminosa posta sulla parte bassa della mod riporta lo stato di ricarica (il led lampeggia di rosso durante la ricarica e diventa fisso bianco a ricarica completata dopo circa 20-30 minuti). La mod è equipaggiata con una pod con testina integrata (non sostituibile) del valore resistivo di 1,2 ohm; purtroppo il produttore non fornisce altre specifiche sulla pod, né tantomeno dichiara la potenza di erogazione.

Unica informazione che ci viene riportata da Vapelustion è che la pod (capienza 2 ml) può essere ricaricata per un massimo di 5-6 volte (circa 10-12 ml), cosa che peraltro mi lascia un po’ perplesso, in quanto attualmente ci sono dispositivi in commercio con pod dal ciclo di vita non inferiore ai 30 ml di liquido.

In quanto prodotto dichiaratamente entry level, Hannya Nano non consente di modificare/regolare alcun parametro della svapata. In questo senso il device è dotato solo di tiro automatico e non possiede alcun pulsante di accensione e/o spegnimento; durante l’erogazione la luce led si accende per indicare il livello residuo di carica della batteria (la luce di colore rosso indica che la batteria è scarica). Anche l’airflow del dispositivo è fisso e il tiro che ne risulta è un classico MTL leggermente arioso.

Le cartucce di Hannya Nano, come s’è detto poc’anzi, non hanno testine sostituibili e si ancorano saldamente sulla mod grazie a due magneti sufficientemente potenti che però non ne impediscono un minimo movimento laterale. Il drip tip, pur presentando una forma piuttosto squadrata, è dotato a mio avviso di una buona ergonomia e feeling sulle labbra.

COILING, WICKING AND FILLING

Per sostituire una pod usurata è sufficiente estrarla dalla mod e inserirne una nuova, facendo attenzione al verso di inserimento (il lato con il tappo di refill deve essere rivolto verso l’anello per l’aggancio del laccetto). Per procedere all’inserimento del liquido all’interno della pod è necessario rimuovere il tappo nero in silicone e ricaricare il liquido servendosi dell’apposito foro di refill. Non è presente un foro di sfiato dell’aria per agevolare l’ingresso del liquido, ma non ho riscontrato problemi di sorta nella ricarica della pod.

Un aspetto negativo di questo pod system è determinato dal fatto che la pod una volta alloggiata sulla mod non consente di verificare la quantità di liquido presente al suo interno e sarà quindi necessario sollevarla e rimuoverla dal corpo della mod ogni qual volta si vorrà controllare il livello di liquido residuo.

PERFORMANCES AND FLAVOUR

La combinazione batteria da 600 mAh con coil da 1,2 ohm e una potenza in svapata (non dichiarata) ma a mio giudizio piuttosto bassa, garantisce una discreta autonomia al device che si attesta intorno ai 4 millilitri di liquido. Il tiro di Hannya Nano è molto pulito e silenzioso però pecca non tanto per il poco vapore prodotto (aspetto secondario per una e-cig), quanto piuttosto per la mancanza pressoché assoluta di hit e per un’aroma che, per quanto non disprezzabile, è onestamente appena sopra la sufficienza se paragonato ad altri sistemi suoi concorrenti.

Dal punto di vista aromatico, tenendo bene a mente che questa pod mod è rivolta a colui che si accinge per la prima volta a provare e ad acquistare una e-cig, il risultato è in definitiva accettabile, ma è sufficiente un vaper con un minimo di esperienza per riscontrare una certa incompletezza nello spartito aromatico di un qualsiasi liquido con un minimo di complessità. Il ventaglio aromatico mi è sembrato alquanto circoscritto e questa pod mod è sicuramente più indicata per liquidi monogusto e relativamente secchi.

TO CONCLUDE

Vapelustion per il suo primo pod system sembra aver badato più all’impatto estetico (con un occhio di riguardo ai mercati orientali) che alla sostanza. Hannya Nano è un device che sebbene non presenti problemi nel suo funzionamento, presenta a nostro avviso numerosi limiti che non possono renderlo appetibile se non a un pubblico giovane alla ricerca della sua prima prova ed esperienza con una e-cig. In questo momento il mercato delle pod mod offre di meglio.

Consigliato a: newbies vapers.

THE FLAVOURIST RESPONSE
  • 7.5/10
    In the box - 7.5/10
  • 5.5/10
    Design & Build Quality - 5.5/10
  • 5.5/10
    Features - 5.5/10
  • 8.5/10
    Coiling, Wicking and Filling - 8.5/10
  • 6/10
    Performances and Flavour - 6/10
6.6/10

Gen Nano Kit (Vaporesso)

Gen Nano Kit (Vaporesso)

Nome: Gen Nano (Vaporesso) – Kit con Atomizzatore GTX Tank  – ricevuto dal produttore

Formato: Batteria integrata 2000 mAh con atomizzatore a testine

Max Power: 80 Watt

Colori:  Silver, Black,  red, Black blue, Black green, Black purple

Prezzo: ~ € 59


Vaporesso Gen Nano Kit: il cloud chasing in un palmo di mano

La famiglia Gen di Vaporesso si allarga e dopo i modelli Gen e Gen S, ecco l’ultima arrivata e anche la più piccola delle tre, la Gen Nano, una box con batteria integrata abbinata all’atomizzatore a testine GTX tank da 22 mm. Il dubbio è legittimo: c’era proprio bisogno di realizzare un terzo modello di mod Gen?

Lo scoprirò presto ma come sempre prima di tutto diamo un occhio al contenuto della confezione del kit.

IN THE BOX

1 x GEN Nano Mod
1 x GTX Tank 22 (3,5 ml)
1 x GTX 0,2 ohm Mesh coil (pre-installata)
1 x GTX 0,6 ohm Mesh coil
1 x Vetro di ricambio (2 ml)
3 x O-ring
1 x Cavo USB
1 x GTX coil tabella riepilogativa
1 x Carta di garanzia
1 x Manuale utente

DESIGN AND BUILD QUALITY

Vaporesso si distingue ormai da anni per essere un produttore di hardware all’avanguardia sia sotto il profilo dell’innovazione tecnologica che sotto quello meramente estetico. Le mod Gen e Gen S mi hanno impressionato molto positivamente sia dal punto di vista qualitativo che anche per il loro design. La Gen Nano nel segno della continuità, conserva tutte le caratteristiche delle sue sorelle maggiori presentandosi di fatto come la versione in miniatura dei modelli Gen precedenti, con le medesime linee pulite, essenziali e minimal. Una mod compatta e leggera, dall’aspetto moderno, sobrio ed elegante.

Vi sembrerò ripetitivo, ma anche Gen Nano trasmette la stessa sensazione di alta qualità costruttiva riscontrata sui due modelli precedenti, grazie a una perfetta combinazione tra solidità e leggerezza. Il feeling tra le mani è unico nel suo genere, tutto merito di una scocca in lega di zinco e un rivestimento a 4 strati, che conferisce una sensazione gommata, liscia e incredibilmente confortevole al tatto; inoltre lo strato più esterno è dichiarato resistente ai graffi e ignifugo.

Parlando sempre della bontà costruttiva di questa mod, c’è da dire che non ho riscontrato nessun problema con l’attacco 510 della box (il pin è flottante), così come molto ben fatti e privi di alcun minimo movimento laterale mi sono apparsi i quattro pulsanti di cui è dotata.

Abbastanza proporzionato alle dimensioni della box, risulta a mio avviso il tank GTX da 22 mm abbinato, un atomizzatore che non presenta nessuna grossa novità estetica, ma che mi sembra comunque realizzato con buona qualità costruttiva. E’ palese comunque, e l’ho detto nelle precedenti recensioni del marchio, che nei kit Vaporesso è sempre la mod che recita la parte del leone, perchè è sulle mod che il produttore asiatico si concentra e dedica maggiormente per introdurre novità tecnologiche significative.

ERGONOMICS AND PORTABILITY

E’ sufficiente riportare i numeri della Gen Nano per comprendere il livello di portabilità di questo Kit: altezza 70,3 mm, larghezza 40,3 mm, spessore 24,2 mm per un peso di soli 83,8 grammi!  Portabilità abbinata a ergonomia grazie alle linee leggermente arrotondate e agli angoli smussati che permettono una presa solida e una maneggevolezza incredibile. Perfettamente posizionati e facilmente accessibili per chiunque, risultano l’ampio e comodo tasto fire, così come i tre tasti funzione e il display.

Con l’atomizzatore GTX abbinato, il kit ha un’altezza complessiva di 115 mm e un peso totale di circa 135 grammi, a mio giudizio molto contenuto se si considera che Vaporesso ha realizzato un kit destinato agli amanti del flavor e del cloud chasing sempre nei limiti degli 80 watt che la mod è in grado di erogare.

Vaporesso Gen Nano

FUNCTIONS & PERFORMANCES

Ho appena anticipato che Gen Nano è in grado di erogare fino a 80 watt servendosi di una batteria integrata da 2000 mAh.  Il dispositivo possiede una porta micro USB con una ricarica da 2A che completa il ciclo di ricarica in poco più di 60 minuti. Anche su questo device Vaporesso ha inserito il circuito Axon Chip, che come abbiamo già avuto modo di vedere, è davvero ricco di funzioni e soprattutto è molto intuitivo e facile da approcciare. Il display OLED da 0,91″ è luminoso e ben leggibile e riporta tutte le informazioni che possono servire al vaper per gestire al meglio la sua svapata.

La box si accende/spegne con la canonica sequenza di 5 click ravvicinati del tasto fire mentre con 3 click ravvicinati dello stesso tasto si attiva/disattiva il blocco dei tasti funzione.

Si è detto che il circuito Axon è provvisto di numerosissime funzioni; ci si accede premendo 3 volte rapidamente il tasto più in basso della mod (quello immediatamente sotto i pulsanti “+” e “-“). All’interno del menu “DIY MODE” sono presenti tutte le più tradizionali modalità a disposizione di una vape mod (modalità variwatt, varivolt, controllo temperatura, curva di wattaggio personalizzata, modalità bypass). Anche in questa circostanza ci sembra doveroso soffermarci sugli aspetti più interessanti del chipset peraltro già descritti nelle recensioni dei kit Gen e Gen S:

  • PULSE MODE – questa funzione fornisce un’accelerazione all’erogazione ogni 0,02 secondi, fornendo un hit costante e una maggior potenza alla svapata per l’intero intervallo di erogazione;
  • POWER ECO –  è una funzione che se attivata prolunga la durata delle batterie;
  • SMART TC – è la funzione “intelligente” del controllo temperatura che riconosce automaticamente una resistenza per il TC e il suo materiale, fornendo il setup ottimale per quella coil.

Nel corso dei miei test ho voluto verificare la valenza di queste funzioni e con piacere ne ho verificato l’effettiva efficacia. La modalità PULSE MODE ad esempio fornisce davvero una svapata potente per tutto l’intervallo di tempo dell’erogazione; così come la funzione POWER ECO che da nostre verifiche ci è sembrata in grado di aumentare la longevità delle batterie di circa il 10% rispetto ad altre mod simili. Vaporesso Gen Nano si comporta egregiamente proprio come i modelli precedenti e le sue prestazioni sono da prima della classe pur conservando un prezzo alquanto competitivo.

EASE OF USE

Agire e interagire con il circuito Axon è estremamente facile. Oltre al tasto di erogazione, sono presenti tre tasti funzione al di sotto del display, un sistema che semplifica notevolmente i settaggi delle funzioni della box. Il pulsante più in basso, permette di accedere al menu impostazioni e di confermare ogni scelta effettuata. Con i pulsanti “+” e “-” invece ci si sposta tra le varie voci di menu. Tutto molto facile e intuitivo.

GTX Tank 22 mm – FLAVOR

In questo Kit, alla Gen Nano mod è stato abbinato l’atomizzatore a testine GTX tank da 22 mm. Si tratta di un atomizzatore dalle linee piuttosto classiche alto 44,6 mm pin 510 escluso e con un peso di circa 51,5 grammi. Il tank ha una capacità di 3,5 ml con vetro bubble e 2 ml con vetro standard (conforme TPD); dal suo nome è facile intuire che il tank monta le coil Vaporesso delle serie GTX che può vantare ben 7 tipi di mesh coil differenti e una base RBA. In questo kit vengono fornite una GTX Mesh coil da 0,2 ohm (range di svapata 45-60 watt) e una seconda coil da 0,6 ohm (20-30 watt).

Il GTX tank è un atomizzatore top refill (è sufficiente svitare il top cap) ma ahimè è sprovvisto sia di un sistema anti perdite che di un sistema childproof. In effetti questa è probabilmente la pecca più grossa di un atomizzatore che senza possedere caratteristiche trascendentali, svolge egregiamente il suo compito soprattutto per merito delle coil che monta. Alla base del tank è presente una ghiera per la regolazione dell’aria con una tripla asola (completamente parzializzabile e dotata di fine corsa) dalle dimensioni di 8,8 x 2 mm. Il drip tip in dotazione è in delrin con attacco 510 è ha un foro di ingresso del diametro di circa 5,7 mm mentre in uscita il foro si estende a un diametro di circa 9,5 mm.

Per la sostituzione delle coil bisogna svitare la base del tank ed estrarre la coil alloggiata semplicemente a pressione all’interno del tank con l’ormai diffuso sistema plug&play.

La GTX 0,2 ohm fornisce un’ottima resa aromatica con vapore corposo e tendente al grasso, per una svapata classica da polmone anche se non troppo esasperata. Una coil che si esprime al meglio con liquidi dalla struttura aromatica tendenzialmente dolce e cremosa. La GTX mesh coil da 0,6 ohm invece offre la possibilità di avere una tipica svapata da flavor chasing, che può essere gestita a proprio piacimento giocando con la parzializzazione più o meno accentuata delle asole dell’airflow. Le prestazioni aromatiche sono assolutamente pregevoli in quanto questa coil offre un tiro molto calibrato e in grado di sfaccettare bene anche i mix più strutturati e complessi.

GEN NANO KIT FINAL VERDICT

Il Kit Gen Nano realizzato da Vaporesso offre la possibilità di svapare in flavor/cloud chasing con una soluzione molto minuta e compatta, a patto che non si disdegni il possesso di una mod con batteria integrata. Le coil della serie GTX in più garantiscono (come d’altronde quasi tutte le coil Vaporesso) performance aromatiche di livello molto alto e difficilmente eguagliabili al momento sul mercato.

—–

Consigliato a: Newbies, Skilled and Hardcore vapers.

THE FLAVOURIST RESPONSE
  • 8/10
    In the box - 8/10
  • 10/10
    Design & Build Quality - 10/10
  • 9/10
    Ergonomics & Portability - 9/10
  • 9.5/10
    Functions & Performances - 9.5/10
  • 9/10
    Ease of use - 9/10
  • 8.5/10
    Atom & Flavor - 8.5/10
9/10


XROS Pod Mod (Vaporesso)

XROS Pod Mod (Vaporesso)

Nome: XROS (Vaporesso) – Pod Mod – ricevuto dal produttore

Tipo: Pod Mod

Colori: Silver, Matt grey, Blue, Sky blue, Rose pink, Rainbow

Prezzo: ~ € 25


Vaporesso promette di superare il limite con XROS!

Per la recensione odierna torno a parlarvi di una pod mod entry level, pensata come primo device per chi decide di provare per la prima volta una sigaretta elettronica. Sto per scoprire caratteristiche e qualità della XROS di casa Vaporesso, aziende cinese che non ha bisogno di presentazioni essendo da quasi un decennio uno dei brand più attivi e all’avanguardia nel mercato dei sistemi hardware per lo svapo.

Come di consueto, in avvio di articolo riporto il contenuto della confezione del prodotto ricevuto.

IN THE BOX

1 x Vaporesso XROS device
1 x Vaporesso XROS 1,2 ohm (2 ml)
1 x Vaporesso XROS 0,8 ohm (2 ml)
1 x Cavo USB Type-C
1 x Manuale utente
1 x Carta di garanzia
1 x Reminder Card

DESIGN AND BUILD QUALITY

XROS è una pod mod che sin dal primo approccio appare abbastanza minuta e maneggevole, anche se va detto essere relativamente lunga e slanciata. E’ costruita in acciaio 304 e possiede una qualità costruttiva a mio parere molto elevata, specie se si considera che si tratta di un prodotto di fascia bassa di mercato. Esteticamente parlando, pur non trattandosi di un sistema dal design ricercato e innovativo, la XROS ha un aspetto molto gradevole e raffinato. Se siete amanti dello stile minimal, la XROS è la pod mod che fa per voi, un funzionale parallelepipedo con angoli smussati e linee pulite ed essenziali. In questa circostanza i progettisti di Vaporesso non si sono concessi nessuna stravaganza estetica e hanno badato al sodo, realizzando un prodotto con una linea classica e facilmente “ricevibile” da tutti coloro che, non conoscendo per nulla il mondo del vaping, si accingono ad acquistare la loro prima e-cig.

FEATURES

La Vaporesso XROS è alta 113 mm, larga 23 mm e ha uno spessore di 13 mm; il peso della mod è di soli 50 grammi, davvero pochi se si pensa che è dotata di una batteria da ben 800 mAh. Se è vero che esistono in commercio pod system con batteria integrate con capacità maggiori, è altrettanto vero che si tratta di sistemi comunque più ingombranti, mentre all’interno della specifica fascia delle pod mod piccole e slanciate, XROS è a mio ricordo il sistema con la batteria più capiente. La ricarica si effettua tramite porta USB type-C da 1A e una spia luminosa posta sotto il pulsante di attivazione indica lo stato di ricarica (il led lampeggia di rosso durante la ricarica e diventa fisso verde a ricarica completata dopo soli 30-40 minuti). La mod è equipaggiata con due mesh pod del valore resistivo di 0,8 ohm (svapata massima a 16 watt di potenza) e di 1,2 ohm per un erogazione massima di 11 watt.

La Vaporesso XROS è dotata sia di tiro automatico che di pulsante di attivazione, lo stesso pulsante predisposto anche per l’accensione e lo spegnimento della mod (cinque click ravvicinati). Durante l’erogazione la luce led si accende per indicare attraverso tre differenti colorazioni lo stato di carica della batteria (luce verde carica tra il 100% e il 70%, luce blu 70%-30% di carica, luce rossa carica residua 30%-0%).

Una caratteristica molto interessante presente su XROS e aggiungo caratteristica più unica che rara su queste tipologie di dispositivi, è la presenza di una ghiera di controllo dell’aria dotata di tre piccoli fori e di una levetta con la quale regolare l’apertura e la conseguente ariosità in svapata. L’airflow control di XROS modifica sensibilmente l’ariosità del dispositivo, pur all’interno di un range piuttosto limitato d’azione, che oscilla tra un flavor chasing abbastanza ristretto e un tiro di guancia leggermente arioso, in parte dovuto anche a un drip tip (materiale PCTG) dalla forma a conchiglia con un foro di uscita abbastanza generoso.

Le cartucce di XROS non hanno testine sostituibili e si ancorano sulla mod grazie a due potenti magneti che impediscono qualsiasi tipo di minimo e fastidioso movimento. La froma a conchiglia del drip tip della pod è dotata di un’ergonomia eccellente e a mio parere si adatta piacevolmente alle labbra del vaper.

COILING, WICKING AND FILLING

Per sostituire una pod usurata è sufficiente estrarla dalla mod e inserirne una nuova senza nemmeno doversi preoccupare del verso di inserimento. Per procedere all’inserimento del liquido all’interno della pod è necessario rimuovere il cappuccio/drip tip nero della stessa tirando verso di se. Il sistema è a scatto e non nascondo che, specie nei primi tentativi di rimozione, ho riscontrato qualche difficoltà nell’effettuare questa operazione. Una volta rimosso il drip tip, si può procedere al refill del liquido servendosi del foro con membrana posto su un lato della cartuccia (è presente anche un piccolo foro di sfiato dell’aria per agevolare l’ingresso del liquido).

Un altro surplus di questo sistema e delle sue pod è la totale trasparenza delle stesse che consente di controllare agevolmente il livello di riempimento del liquido.

PERFORMANCES AND FLAVOUR

Un elemento di grande pregio della Vaporesso XROS è senza dubbio la capacità della batteria perfettamente commisurata alle potenze di svapo del sistema, una batteria molto ben calibrata che è in grado di garantire con la pod da 0,8 ohm un’autonomia di circa 4-5 ml di liquido, e con la pod da 1,2 ohm su per giù 6-7 ml di liquido. Merito di queste buonissime prestazioni va attribuito sicuramente al chipset Axon, una garanzia anche in termini di funzioni di sicurezza. Il tiro di XROS è superbo, silenziosissimo, molto lineare e con un discreto hit (più accentuato con la coil da 0,8 ohm); unica piccola pecca, riscontrata soprattutto con la pod da 0,8, è stato, in alcune sporadiche situazioni, un leggero spit back quando il liquido all’interno del serbatoio è quasi del tutto esaurito. Sempre parlando del tiro va detto che ho notato anche una minore reattività del device in modalità automatica rispetto all’attivazione con pulsante, ma nulla di particolarmente fastidioso e allarmante.

Non trascurabile infine il fatto che il sistema dopo intenso e prolungato utilizzo non ha mostrato alcun problema di condensa al di sotto della pod, cosa assolutamente non scontata su questo tipo di dispositivi.

Dal punto di vista aromatico, Vaporesso XROS non ha deluso le mie aspettative e questo sistema mi è parso possedere prestazioni in linea con la qualità che da tempo contraddistingue il produttore asiatico, e più in generale una resa aromatica mediamente superiore alle performance di molti device concorrenti. La pod da 0,8 ohm a mio parere presenta una maggiore completezza aromatica e riesce a rendere molto bene con liquidi da flavor chasing anche piuttosto complessi. Il vapore è corposo (considerando che si tratta di una svapata da 16 watt) ma non eccessivamente grasso. La cartuccia con resistenza da 1,2 ohm invece si presta meglio a liquidi tabaccosi o a fruttati non particolarmente dolci; il vapore è più secco e anche il ventaglio aromatico mi è sembrato leggermente più circoscritto.

TO CONCLUDE

Vaporesso XROS in sintesi è un device che funziona molto bene e lo considero perfetto per tutti coloro che si accingono ad acquistare la loro prima e-cig. Facilità di utilizzo, buona resa, prestazioni d’alto livello e un prezzo davvero concorrenziale. Meglio di così…

Consigliato a: newbies vapers.

THE FLAVOURIST RESPONSE
  • 8.5/10
    In the box - 8.5/10
  • 8.5/10
    Design & Build Quality - 8.5/10
  • 7/10
    Features - 7/10
  • 9/10
    Coiling, Wicking and Filling - 9/10
  • 8.5/10
    Performances and Flavour - 8.5/10
8.3/10

Gen S Kit (Vaporesso)

Gen S Kit (Vaporesso)

Nome: Gen S (Vaporesso) – Kit con Atomizzatore NRG-S Tank  – ricevuto dal produttore

Formato: Dual 18650 battery con atomizzatore a testine

Max Power: 220 Watt

Colori: Lime green, Cherry pink, Matte gray, Midnight blue, Rose gold, Silver, Black, Gold, Black red, Black blue, Black green, Black purple

Prezzo: ~ € 55


Vaporesso presenta il Gen S Kit, la versione aggiornata della mod Gen abbinata a un nuovo atomizzatore

Dopo l’ottimo successo riscosso con il kit Gen (ve ne abbiamo parlato nello scorso mese di settembre), Vaporesso lancia Gen S kit e abbina la sua mod più potente all’atomizzatore NRG-S che sostituisce il precedente tank SKRR-S. Gen S è una mod dual battery che esattamente come il modello precedente è gestita dal circuito proprietario Axon.

Iniziamo ad osservare insieme il contenuto della confezione di questo kit destinato ai vaper amanti del sub-ohm e di uno svapo fatto tutto di potenza.

IN THE BOX

1 x GEN S Mod
1 x NRG-S Tank (8ml)
1 x GT Meshed coil 0,18 ohm (pre-installata)
1 x GT4 Meshed coil 0,15 ohm
1 x Vetro di ricambio (5ml)
4 x O-ring
1 x Cavo USB
1 x Carta di garanzia
1 x Manuale utente

DESIGN AND BUILD QUALITY

Vaporesso si è sempre distinto come produttore di hardware all’avanguardia sia sotto il profilo dell’innovazione tecnologica che sotto quello meramente estetico. La mod Gen nel 2019 ci aveva colpito molto positivamente sia dal punto di vista qualitativo che anche per il suo design. La Gen S nel segno della continuità conserva tutte le caratteristiche della sua sorella maggiore e si presenta come una mod gemella della Gen, con linee pulite, essenziali e minimal, dall’aspetto moderno, sobrio ed elegante.

La mod Gen S trasmette una sensazione di alta qualità costruttiva, grazie alla perfetta combinazione tra la sua solidità e la sua estrema leggerezza. Il feeling tra le mani è unico nel suo genere, grazie a una scocca in lega di zinco e un rivestimento a 4 strati, che conferisce una sensazione gommata, liscia e incredibilmente confortevole al tatto; inoltre lo strato più esterno è dichiarato resistente ai graffi e ignifugo. Parlando sempre della bontà costruttiva di Gen, c’è da dire che non abbiamo riscontrato nessun problema con l’attacco 510 della box, così come molto ben fatti e privi di alcun minimo movimento laterale ci sono apparsi i quattro pulsanti di cui è dotata. Molto ben realizzato infine anche lo sportello del vano batterie, al quale vi si accede aiutandosi con una piccola tacca in corrispondenza del logo Vaporesso. I due magneti presenti sullo sportellino sono grandi e resistenti.

Imponente, massiccio e piuttosto pesante appare invece il tank NRG-S abbinato alla mod. Sebbene si sia in presenza di un atomizzatore con nessuna grossa novità estetica, ci sembra di sicuro dotato di una qualità costruttiva migliore rispetto al tank SKRR-S presente nel kit Gen.

ERGONOMICS AND PORTABILITY

Pur trattandosi di una dual battery e quindi di una box che non può definirsi piccola, la mod Gen S è un prodotto estremamente ergonomico e le sue linee leggermente arrotondate e gli angoli smussati permettono una presa solida e una buona maneggevolezza. Perfettamente posizionati e facilmente accessibili per chiunque appaiono anche l’ampio e comodo tasto fire, così come i tre tasti funzione e il display (non grandissimo ma molto chiaro).

Se si considera che siamo dinanzi a un kit per uno svapo in sub-ohm che come risaputo necessita di potenze d’erogazione elevate e di tank generosi, allora possiamo ritenere che questo kit sia comunque dotato di buona portabilità nonostante i suoi circa 275 grammi di peso complessivi. A nostro giudizio un peso accettabile per chiunque voglia portarsi dietro un dispositivo tutto potenza e nuvoloni.

FUNCTIONS & PERFORMANCES

La mod Gen S è una box dual battery (18650) in grado di erogare fino a 220 Watt di potenza. Il dispositivo possiede una porta USB che, da indicazioni del produttore sarebbe in grado di ricaricare le batterie in soli 60 minuti grazie ad una ricarica rapida da ben 2,5 A. Abbiamo testato questa ricarica veloce e in realtà il tempo necessario per completare il ciclo di ricarica si è aggirato intorno ai 100 minuti. Come sempre però consigliamo di preferire un carica batterie da tavolo per ricaricare le vostre batterie 18650.

Il device ha le medesime dimensioni della mod Gen e misura 93,5 mm in altezza, 53 mm in larghezza e ha uno spessore di 27 mm e, come la sua sorella maggiore, ha un peso a vuoto di soli 107 grammi che diventano circa 203 con le batterie inserite. Vaporesso ha confermato anche su questa nuova versione del Gen il circuito Axon Chip, che abbiamo già avuto modo di vedere essere davvero ricco di funzioni e soprattutto molto intuitivo. Il display OLED da 0,9″ è luminoso e ben leggibile e riporta tutte le informazioni che possono servire al vaper per gestire al meglio la sua svapata. Lodevole e molto utile a nostro avviso la soluzione dell’indicatore del livello di carica delle batterie, che mostra una icona batteria e il livello di carica residuo espresso in percentuale.

La box si accende/spegne con la canonica sequenza di 5 click ravvicinati del tasto fire mentre con 3 click ravvicinati dello stesso tasto si attiva/disattiva il blocco dei tasti funzione.

Si è detto che il circuito Axon è provvisto di numerosissime funzioni; ci si accede premendo 3 volte rapidamente il tasto centrale dei tre tasti funzione sotto il display. All’interno del menu “DIY MODE” sono presenti tutte le più tradizionali modalità a disposizione di una vape mod (modalità variwatt, varivolt, controllo temperatura, curva di wattaggio personalizzata, modalità bypass). Anche in questa circostanza ci sembra doveroso soffermarci sugli aspetti più interessanti del chipset peraltro già descritti nella recensione del kit Gen:

  • PULSE MODE – questa funzione fornisce un’accelerazione all’erogazione ogni 0,02 secondi, fornendo un hit costante e una maggior potenza alla svapata per l’intero intervallo di erogazione;
  • POWER ECO –  è una funzione che se attivata prolunga la durata delle batterie;
  • SMART TC – è la funzione “intelligente” del controllo temperatura che riconosce automaticamente una resistenza per il TC e il suo materiale, fornendo il setup ottimale per quella coil.

Nel corso dei nostri test abbiamo voluto verificare la valenza di queste funzioni e con piacere ne abbiamo verificato l’effettiva efficacia. La modalità PULSE MODE ad esempio fornisce davvero una svapata potente per tutto l’intervallo di tempo dell’erogazione; così come la funzione POWER ECO che da nostre verifiche ci è sembrata in grado di aumentare la longevità delle batterie di circa il 10% rispetto ad altre mod simili.

Vaporesso Gen S si comporta egregiamente proprio come il modello precedente e le sue prestazioni sono da prima della classe pur conservando un prezzo assolutamente competitivo.

EASE OF USE

Agire e interagire con il circuito Axon è estremamente facile. Oltre al tasto di erogazione, sono presenti tre tasti funzione al di sotto del display, un sistema che semplifica notevolmente i settaggi delle funzioni della box. Il pulsante centrale, permette di accedere al menu impostazioni e di confermare ogni scelta effettuata. Con i pulsanti + e – invece ci si sposta tra le varie voci di menu. Tutto molto facile e intuitivo.

NRG-S Tank – FLAVOR

In questo Kit, alla Gen mod è stato abbinato l’atomizzatore a testine NRG-S tank. Si tratta di un atomizzatore piuttosto massiccio nell’aspetto con un diametro di 25 mm alla base e di 30 mm in corrispondenza del vetro bubble; l’altezza è di 52 mm pin 510 escluso. Il tank ha una capacità di 8 ml con vetro bubble e 5 ml con vetro standard (2 ml nella versione TPD). L’atomizzatore NRG-S monta le coil Vaporesso delle serie GT Core che può vantare al momento ben 8 differenti tipi di coil; in questo kit vengono fornite una GT Meshed coil da 0,18 ohm (range di svapata 50-85 watt) e una GT4 Meshed coil da 0,15 ohm (50-75 watt).

L’NRG-S, come tutti i tank di ultima generazione, si ricarica dall’alto semplicemente esercitando una leggera pressione in corrispondenza della freccia presente sul top cap. L’asola di refill è più che generosa e pensata per qualsiasi tipo di boccetta di e-liquid. Alla base del tank è presente una ghiera per la regolazione dell’aria che presenta una doppia asola (con fine corsa e completamente parzializzabile) dalle dimensioni di 12 x 2,6 mm. Il drip tip in dotazione è in delrin con attacco 510 è ha un foro di ingresso del diametro di circa 6,6 mm mentre in uscita il foro si estende a un diametro di circa 12,5 mm.

Per quanto le coil della serie GT abbiano tutte un aspetto alquanto tozzo (sono basse e larghe), non abbiamo riscontrato difficoltà nelle operazioni di sostituzione della coil con questo tank; è sufficiente svitare la base dell’atom e successivamente svitare la coil dalla base stessa per ripristinarla con una nuova.

Le diverse prove di svapo effettuate con questo NRG-S tank ci hanno fatto osservare con piacere le eccellenti prestazioni tecniche di questo tank (nessun problema di perdite e di condensa) , unite a un vapore sempre denso e copioso e aromaticamente convincente. Vaporesso con l’NRG-S tank fa un passo deciso in avanti in fatto di performance aromatiche rispetto al SKRR-S tank e le due coil  GT in dotazione, più la coil GT6 da 0,2 ohm (range 40-100 watt) fornitaci gentilmente dal produttore, si sono rivelate tutte all’altezza della situazione, restituendo un flavor da top di gamma nell’ambito dello svapo in sub-ohm. Una manna per gli amanti dei liquidi dolci, grassi accompagnati da nuvoloni pazzeschi.

TO CONCLUDE

Se nel kit Gen la nota dolente era rappresentata dal SKRR-S tank, con Gen S e grazie all’ottimo NRG-S tank, Vaporesso confeziona un kit per il direct to lung vaping dalle prestazioni eccellenti in tutti i sensi e a un prezzo come sempre competitivo. Gen S e NRG-S tank accoppiata vincente.

—–

Consigliato a: Skilled and Hardcore vapers.

THE FLAVOURIST RESPONSE
  • 8/10
    In the box - 8/10
  • 10/10
    Design & Build Quality - 10/10
  • 8/10
    Ergonomics & Portability - 8/10
  • 9.5/10
    Functions & Performances - 9.5/10
  • 9/10
    Ease of use - 9/10
  • 8.5/10
    Atom & Flavor - 8.5/10
8.8/10