814HistoireDeliquides-logo

Recensione Aroma: Dagobert (814 Histoire d’E-Liquides) 10 ml
Lotto: 15S5202
Data scadenza: 01/2017

Base utilizzata: 47 PG – 47 VG – 6 H2O
Nico: 1,5 mg/ml (0,15%)

Devices: iStick TC60W + Ataman V2 in single coil 1.0 ohm (Kanthal A1 0.28 mm) e cotone organico giapponese + Crown atomizer con testina dual coil 0,5 (Kantal) con cotone organico giapponese.


Dagoberto fu Re dei Franchi della dinastia Merovingia e regnò su Austrasia, Neustria, Burgundia e Aquitania agli inizi del settimo secolo. Non fu un regnante della Francia del Gran Secolo, quella delle gesta di valorosi moschettieri e nobili spadaccini, eppure a me piace pensarlo inserito in quel contesto, perchè l’aroma che porta il suo nome avrebbe di sicuro avuto la fama di un abile spadaccino di incredibile destrezza, in grado di infiggere una stoccata vincente con facilità disarmante al primo incontro!

Gli shop che commercializzano la linea 814 riportano diverse descrizioni di Dagobert, qui ne cito una, forse la più dettagliata

Dagobert de 814 est une vanille custard crémeuse aux notes gourmandes de caramel, d’avoine et de pop-corn.

Dagobert della 814 è una vaniglia custard cremosa con gustose note di caramello, d’avena e di pop-corn.

Ahhhh Vanilla custard! Ma questo ormai “non è un mondo per vaniglia custard”, ce ne sono troppe sul mercato, anzi probabilmente è la categoria di e-liquid più presente e inflazionata, eppure anche 814 è caduto in tentazione proponendoci la sua versione di vaniglia custard.

In questa occasione eviterò di soffermarmi sulla descrizione della boccetta in quanto se ne è parlato nei precedenti articoli relativi agli aromi di questo marchio (Bathilde, Clovis) e quindi mi dedicherò esclusivamente alla prova del suo nettare.

L’analisi olfattiva rivela un sentore prevalente di vaniglia, accompagnato da una nota liquorosa ed un tocco (apparente) di pop-corn. Dico apparente perché a mio parere tra gli ingredienti di Dagobert non figura il gusto del pop-corn e credo che in realtà si tratti di una “deviazione” olfattiva oppure di una semplice trovata di marketing (perchè il termine pop-corn nello svapo “tira”).

La mia prova comincia con un Ataman settato a 15 watt e il liquido ambrato subito al primo tiro ci riserva una stoccata vincente!

Resto letteralmente colpito da una tanto delicata quanto realistica crema pasticcera che avvolge il palato portando con se una piacevolissima sfumatura caramellata. Non è un comune e banale aroma alla vaniglia, non è una delle tante pseudo vaniglia custard o presunte tali, che più volte hanno deluso le aspettative dei vaper desiderosi di gustare la miglior crema alla vaniglia mai provata.

Qui invece si sta assaggiando una crema pasticcera, credetemi! E’ la stessa crema pasticcera che preparava la nostra mamma per farcire il dolce della domenica e che furtivamente assaggiavamo perché troppo invitante per poterle resistere. Lasciatevi colpire da Dagobert!

Touchè!

L’esperienza è quasi surreale per il suo realismo. La degustazione lenta, con tiri intervallati da lunghe pause, consente di comprendere al meglio la nobiltà di Dagobert e la sua persistenza aromatica, a mio avviso molto particolare: non è eccessiva ne invadente, quanto basta per lasciar davvero la sensazione di aver appena assaggiato un cucchiaino di crema pasticcera. E ora si che vorrei davvero assaggiarne un po’ di quella crema della mamma!

Un siffatto aroma basterebbe già, per quanto mi riguarda, a giustificarne l’acquisto o quanto meno una prova d’assaggio, ma così composto si potrebbe tacciare Dagobert di eccessiva semplicità; l’aroma così costruito, sebbene creato con sapienza e sagacia (i prodotti 814 vengono realizzati nei laboratori LFEL, in assoluto tra i migliori se non i migliori di Francia in fatto di sicurezza e soprattutto qualità delle materie prime e della loro lavorazione), verrebbe considerato sin troppo elementare e la sua bontà passerebbe in secondo piano in un mercato sempre più “mischione oriented”.

Ma Dagobert ha in serbo un’ultima stoccata per il nostro palato; la sferra in espirazione, quando dalle nostre narici e dalla bocca avvertiamo un raffinato profumo d’avena, non un comune gusto ai cereali (termine molto usato nelle descrizioni degli e-liquid che francamente può voler dir tutto e anche niente), ma proprio di avena, restituendoci così la sensazione di un’appagante merenda dai dolci effluvi con fiocchi d’avena immersi in uno yogurt cremoso alla vaniglia.

Touchè!

L’aroma, nel suo essere straordinariamente gradevole e amabile, possiede anche un’ultima qualità, ma di certo non meno importante: è perfettamente stabile all’innalzamento delle potenze di svapo; la prova con atomizzatore Crown fino ai 35 watt ha sancito la perfetta tenuta di tutto il mix.

Quando in pieno stile 814 una crema pasticcera incontra una manciata di fiocchi d’avena… scopriamo il nobile Dagobert…

Touchè.

Diluizione consigliata: 15-20%

Tempo di maturazione: min 15 gg

ico 5

Pro: nobile, delicato, amabile e naturale, naturale ed ancora naturale.

Contro: i fan del genere “cremosi” forse non lo troveranno abbastanza cremoso.

follow us:
Instagram
Twitter
Visit Us
Follow Me
RSS