Recensione Liquido Pronto: Don Juan (Kings Crest) 30 ml
Base dichiarata: n.d.
Lotto: n.d.
Nico: 3mg/ml (0,3%)
Data scadenza: n.d.

Devices: IPV mini 2 + Velocity Mini coil 0,28 ohm Dual Clapton coil (26ga + 32ga) con cotone organico giapponese.

donjuan-open

Sulla boccia di questo Don Juan, come vedete dall’immagine, è applicata unicamente l’etichetta adesiva che, oltre al logo Kings Crest, riporta la gradazione di nico e il nome del prodotto. Sul perimetro destro dell’etichetta, in piccolo, apprezziamo questa scritta: “18 + Prop 65 This product contain chemicals known to the state of California to cause cancer birth defects or other reproductive harm“. Ovvero: “18 + Prop 65 Questo prodotto contiene sostanze chimiche che per lo stato della California possono causare difetti alla nascita, tumore o di altri danni riproduttivi”. Una obbligata citazione pretesa dallo Stato della California.

I creatori di questo Don Juan lo descrivono così:

A mesmerizing butter pecan pie.

Unaffascinante torta al burro di pecan.

Apprezzo molto la sintesi nella descrizione, ma all’esame olfattivo emergono banali note comuni a tantissimi liquidi dal carattere custard e la tipica nota di burro di arachidi. Pecan, volevo dire Pecan.

Immaginavo giá la consistenza di una pastafrolla, un biscotto, crema certo ma… c’è il burro di pecan nella “torta al burro di pecan”? Qui chiunque sentirebbe… boh. Buono peró!

Allo svapo, noto con piacere che questo Don Juan, non é poi cosí banale come potrebbe sembrare.

In aspirazione, la boccata è dolcissima e caratterizzata da un goloso, ma leggero gusto di burro di arachide. Pecan. Scusate.

La lieve legnositá della noce pecan é trasportata da una inedita e cremosa dolcezza e caramello. La torta non la prepara piú nessuno. Non illudetevi. La citano, ma ci si ferma al ripieno! Funziona cosí.

Il burro di arachide… ehm di pecan, manca di forza e carattere, ma ha un gusto veramente delicato che invoglia. Vellutato é forse il termine piú adatto e che puó forse meglio farvi comprendere la differenza con altri liquidi simili… solo nella descrizione. Spesso, quando si parla di “burro”, magari con note custard, ci si ritrova liquidi pesanti e pastosi. Don Juan é morbido, vellutato e super dolce.

Paradossalmente pare migliorare alle alte temperature. Particolarmente vaporoso e profumato supera egregiamente l’inevitabile e divertente test a 70w. Non fa una piega. Acquista spessore e mantiene, lo ammetto, una certa eleganza.

Don Juan nasconde un segreto tutto da svelare proprio nella sua ricetta. Non si tratta assolutamente di un aroma banale e lo svapo restituisce infondo gusti ed aromi molto naturali per i palati piú raffinati. Infatti, proprio questa straordinaria dolcezza lo rende unico e  diverso dagli altri.

É un mix perfetto tra un caramello, sucralosio e stevia in percentuali perfette. La crema al caramello che ne deriva e il burro di arachide o pecan, stabilizza la stevia; un ingrediente difficile da dosare che in questo Don Juan si rivela determinante.

Il liquido é ottimo pur mancando di una pastafrolla, un biscotto qualsiasi che lo avvicini ad una citata torta. Ormai queste consistenti note sembrano essere divenute fuori moda, ma confido in un loro ritorno. Nella descrizione si parla di burro di pecan. Lo é veramente, ma molti liquidi che promettono burro di arachide, in realtá contengono (anche) aroma alla noce pecan ed altro. Questo “altro”, in questo liquido manca e non ne sento la mancanza. Mi piace.

Qualcuno potrebbe confondersi e non riuscire a comprendere la differenza. Affidatevi al vostro gusto e lasciatevi andare.

Kings Crest ci propone un Don Juan dolce, cremoso, ma privo di note ombrose che avrebbero degnamente esaltato la frutta secca. Eppure devo ammettere la grande qualitá della ricetta. Una esaltazione della noce pecan spesso rende il liquido sensibile all’innalzamento delle temperature con conseguenze sgadevoli allo svapo. Non é questo il caso. Aromi ben scelti.

Provato anche con altri sistemi, ha sempre restituito un aroma limpido e fresco senza stancare. Cosa non sempre facile nel genere “cremoso”.

Tutte queste caratteristiche legano in fondo con una produzione di vapore appagante, ma purtroppo davvero poco hittosa. Sarebbe da provare ad un grado superiore di nicotina, ma dubito che questo basti ad irrobustirlo. Intanto mentre ci penso, me lo finisco tutto!

ico 5

Pro: Differente. Dietro nomi da tragedia shakespeariana, Kings Crest cela sempre ricette di alta qualitá.

Contro: Etichette sempre fuori dallo standard europeo.

follow us: