Recensione Liquido Pronto: Duchess Reserve (Kings Crest) 30 ml
Base dichiarata: n.d.
Lotto: n.d.
Nico: 6mg/ml (0,6%)
Data scadenza: n.d.

Devices: IPV mini 2 + Bellus dual coil 0,34 ohm (Kantal D 0,40mm) con cotone organico giapponese.

kings-crest-reserve

Ci troviamo dinanzi ad una boccia da 30ml particolarmente bella. Percarità. Ne abbiamo già viste tante uguali, ma hanno sempre un certo fascino. In vetro verniciato nero. Impenetrabili. Con una chiusura di sicurezza che funziona bene, come funziona alla grande anche la pipetta.

Sulla boccia, come vedete dall’immagine, è applicata unicamente l’etichetta adesiva che, oltre al logo Kings Crest, riporta la gradazione di nico e il nome del prodotto. Duchess Reserve. A ben guardare, sul perimetro destro dell’etichetta, in piccolo, apprezziamo questa scritta: “18 + Prop 65 This product contain chemicals known to the state of California to cause cancer birth defects or other reproductive harm“. Ovvero: “18 + Prop 65 Questo prodotto contiene sostanze chimiche che per lo stato della California possono causare difetti alla nascita, tumore o di altri danni riproduttivi”. Una obbligata citazione pretesa dallo Stato della California. E noi? Null’altro è presente in etichetta!

Avviamo questa recensione dicendovi che quanto ho per le mani, il Duchess Reserve, è la versione Reserve del “Duchess”. Un liquido vincitore della categoria Custard e Creme al Vape summit 2013. E Kings Crest, proprio con il Duchess Reserve, che ne è la riedizione,  vince anche al Vape summit 2014. Ma quanto sono bravi!? Tantissimo! Vediamo se è vero.

Il Duches Reserve, infatti è così solitamente descritto in rete:

Duchess Reserve by King’s Crest is here!! King’s Crest, the creators of the award winning line at Vape Summit II has done it again with Duchess Reserve!! King’s Crest has won yet again for their amazing flavor, Duchess Reserve at Vape Summit IV a year later! Let us tell you, this flavor is absolutely a must if you love dessert vapes and all things fantastic. Duchess Reserve is the amazing Duchess (a tres leches cake) you know and love with a few added ingredients that make it fuller and richer.

Duchess Reserve di King Crest è qui !! King Crest, i creatori della premiata linea al Vape Summit II si ripete con Duchessa Reserve!! King Crest ha vinto ancora una volta per il loro gusto incredibile, Duchessa Reserve al Vape IV Summit, un anno dopo! Lasciate che vi dica, questo sapore è assolutamente un must se amate lo svapo da dessert e cose fantastiche. Duchess Reserve è l’incredibile duchessa (una torta tres leches) che conosci e ami con pochi ingredienti aggiunti che la rendono piena e più ricca.

L’esame olfattivo è particolarmente piacevole ed il denso liquido dal colore ambrato sprigiona…

Premetto subito che per liquidi di questo genere (approfondiremo) è buona prassi assicurarsi una attenta pulizia dell’atom ed una corretta rigenerazione dei propri sistemi. Questo liquido è stato testato anche su Magma (dripper), ma ho deciso, per mia comodità di realizzare la mia solita recensione in “presa diretta” con Il Bellus, che ultimamente preferisco come sistema da degustazione. Qualche significativa differenza tra i due sistemi (molto diversi per specie) comunque influenza la percezione aromatica. Ne accenneremo.

Allo svapo, l’identità e il carattere del Duchess Reserve si rivelano senza alcuna perplessità. Una torta, tre latti (tres leches), delicata nei sentori dolci, ma che rivela una leggera ombra di maggiore carattere che rende il gusto deciso e molto più mascolino di quanto potremmo immaginare. Questo gusto, all’apparenza molto armonico si conclude con una leggerissima e quasi impercettibile nota di fragola matura yogurtata.

torta-ai-3-latti

L’immagine che vedete rappresenta (quasi) alla perfezione quello che stò svapando. Fragolina compresa. Come vedete il pan di spagna non è secco, ma è intriso di una bagna al latte e in questa versione, la Reserve, viene resa lievemente ambrata. Si ma da cosa? Note particolarmente alcoliche non sono percepibili, ma a lungo andare lo scopriremo. Il gusto di pan di spagna è sfuggente e trovo questo aspetto particolarmente piacevole. E’ sufficiente a dare consistenza alla tipicità di questo desset. Un gusto semplice.

Le creme al latte sono efficaci a rievocare un dolce che può essere interpretato, come ricetta, in modi diversi. Non esiste un canone rigido. Nella ricetta originale, la frutta non sarebbe neanche prevista. Più spesso, come in questo caso, la Tres Leches viene interpretata con la fragola. Talvolta si utilizzano anche kiwi, o albicocche sciroppate, uva e varie composte di frutta. Ma si tratta sempre di un piccolo tocco, quasi solo decorativo.

Il gusto di latte condensato, yogurt e fragola è sicuramente accompagnato anche da una crema vagamente custard. Ormai onnipresente! Ma la versione Reserve del Duchess è fatta proprio così. E’ in questo che si palesa quel carattere ombroso e mascolino a cui accennavo. Ma è anche vero che non è corretto definirla una custard. Sarebbe un grave errore.

Notiamo come la fragola sia associata ad un sentore cremoso di yogurt e panna. Proprio questi aromi si lasciano controllare da quella che abbiamo appena definito come una ombreggiatura dalla parvenza lievemente alcolica non ben definita. Diamone una definizione allora. E’ Brown Sugar associato a yogurt,  fragola e crema. Purtroppo per King Crest, questo è ormai diventato un trucchetto superato e anche noiosetto.

Gustando questo liquido con tiri profondi e prolungati, sarà difficile non notarlo. Lo troviamo in tantissimi liquidi ed aromi. A seconda delle associazioni riesce a portare risultati differenti. Talvolta tostati, talvolta ombreggianti di note acide, talvolta caratterizzante per creme e frutta secca o come esaltatore della tostatura del caffè. E’ un ingrediente, un correttore.

Tutto ciò è percepibile con uno svapo compulsivo e a potenze superiori ai 20w. Suggerirvi uno svapo più sereno, in questo caso, mi pare eccessivo. Alle basse temperature, non vi sono particolari sfumature aromatiche da presenzare. Ma è pur sempre un marchio pluripremiato e trovo giusto trattarlo con rispetto.

Il liquido, resti inteso, è assolutamente gradevole, ma non mi sembra poi così ben bilanciato. Potrebbe essere proprio questa la caratteristica del premiato Duchess Reserve, quella che lo rende diverso dal premiato Duchess. Premiato, premiati… ma và! E’ buono. Vi basta!? Il Duchess, da cui deriva questa versione Reserve, pare sia più leggero e delicato. Evidentemente più banale. Non l’ho provato.

Se svapato su Magma, il carico aromatico del Reserve si irrobustisce notevolmente rispetto ad un Bellus in dual coil. Su quest’ultimo però il gusto è molto più delicato e piacevole. Le note yogurtate, seppur lievi, sembrano essere ben calibrate. Non ho avuto modo di provare, ma non escudo che su mesh la resa, a basse potenze, possa essere aromaticamente superiore. Tutto sembrerebbe suggerire le basse potenze, eppure il Duchess Reserve esprime un vapore veramente molto gradevole. Tutta colpa insomma dell’uso maldestro di quel Brown Sugar.

Il mio è un liquido a 6mg/ml (0,6%). Svapato in dualcoil non sembra trasferire un’hit adeguato. Molti liquidi pronti dolci riescono comunque ad assecondare la necessità di hit. Nel caso del Duchess Reserve potremmo restare delusi.

Una maggiore astuzia, e forse ricerca, avrebbe reso la ricetta più inedita allo svapo, caratterizzando la versione Reserve in modo diverso. Le mie “remore” si fermano qui. Kings Crest è indubbiamente un marchio interessante.

ico 4

Pro: Particolarmente gradevole allo svapo. Bilanciato entro temperature accettabili. La leggerissima, ma fragile, nota di fragola è indubbiamente sinonimo di maestria nel dosaggio dei carichi aromatici.

Contro: Poca hit. Nonostante l’alto standard qualitativo, non lo trovo esaltante. Quando – come per un liquido americano – i mercati di sbocco guardano al mondo intero, sarebbe buona prassi non preoccuparsi unicamente delle regole vigenti nel proprio, piccolo, staterello. Un succo di frutta californiano, conterrebbe maggiori indicazioni di questo liquido contenente nicotina!

 

 

follow us: