Valkiria-logo

Recensione Aroma: Freya (Valkiria – Elixir International) 10 ml

Lotto: n.d

Data scadenza: n.d (data confezionamento 10/2015)

Base utilizzata: 46 PG – 46 VG – 8 H2O

Nico: 0 mg/ml (0%)

Devices: Cloupor Mini plus 50W + Aromamizer RDA v2 con testina dualcoil 0,45 ohm con cotone organico giapponese.


Valkiria è un marchio di proprietà della Elixir International, azienda italiana con sede a Bucarest, in Romania. Nella fattispecie comunque il brand Valkiria risulta essere ufficialmente sloveno con produzione in Slovenia, al contrario degli Elixir International che sono tutti prodotti in Italia.

Gli aromi si presentano all’interno di flaconcini di vetro con dropper e tappo di chiusura child proof. L’etichetta riporta informazioni sulla percentuale di diluizione, informazioni generiche di precauzione e i riferimenti anagrafici del produttore.

L’aroma Freya all’olfatto si fa apprezzare grazie ad un gusto delicato che riesce a richiamare abbastanza bene la sensazione e l’idea di una cheesecake.

Frutti rossi, ribes nero su una base di cheesecake.

Una descrizione molto semplice priva di alcun tipo di enfasi per un progetto alquanto ambizioso dal punto di vista aromatico; non poche sono secondo me le insidie che si possono nascondere dietro questo genere di creazione, dalla gestione dei frutti rossi al tentativo di ricreare il gusto e la tipica consistenza di una cheesecake.

Cosa saranno riusciti ad inventarsi gli aromatieri di Valkiria?

freya

Se le sensazioni percepite all’olfatto lasciavano bene sperare, purtroppo la prova di svapo dell’aroma delude abbastanza. Come anticipato poc’anzi, non è mai semplice creare e gestire un aroma o un e-liquid cremoso giocando con la presenza dei frutti rossi, notoriamente caratterizzati da un sapore acidulo e non facile da controllare dal punto di vista aromatico. In più appunto, in questa circostanza, l’ambizione del produttore si è spinta oltre, scegliendo come base cremosa una cheesecake. Vere intenzioni o solo desiderio di utilizzare un termine più “figo”?

E infatti purtroppo… Freya risulta un prodotto non certo cattivo, ma comunque privo di dolcezza e morbidezza. Se penso ad una cheescake ai frutti rossi, mi viene in mente un dolce, se vogliamo particolare, per la presenza di quel tocco acidulo dato dai frutti rossi, combinato con la crema di formaggio zuccherata, il tutto poggiato su una base di pasta/biscotto friabile e burroso. Ma è pur sempre dolce. Qui invece ci sono più asperità che rotondità.

cheescake_rossi02

Con Freya a tratti quasi ci si dimentica di avere a che fare con un aroma cremoso. Gli ingredienti utilizzati appaiono solo un aggregato di aromi e non un insieme armonioso; non c’è il giusto amalgama tra la cheesecake e i frutti rossi. Quel che dovrebbe fungere da base della ricetta (la cheesecake) è tremendamente in secondo piano, nascosta e coperta dall’insieme aromatico dei frutti rossi (il ribes nero sinceramente non si riesce a distinguere nel mix).

Ne viene fuori alla fine un gusto un po’ strano e se vogliamo anche particolare, ma difficilmente definibile come dolce: se nelle note di testa e di cuore dell’aroma prevale il gusto acidulo dei frutti rossi, in coda invece il sapore è tendenzialmente floreale, più simile a quello di un profumo che a quello di una cheesecake e lo si avverte molto in espirazione.

Inoltre c’è da aggiungere che questa sensazione di “profumo floreale” ha anche un buona persistenza a fine svapata e pertanto si conserva per un po’ di tempo nel nostro palato; non è sgradevole, sia chiaro, come non lo è in assoluto questo aroma, ma si è sempre lì ad attendere gusti e retrogusti dolci e burrosi che invece non arrivano.

Purtroppo ho avuto modo di constatare che il sapore che restituisce il prodotto Valkiria, non è minimamente imputabile alla scelta della percentuale di diluizione;  dunque non si tratta di un problema di sovradosaggio di aroma perchè tutto questo accade sin dal 10% (la diluizione minima indicata dal produttore) e semmai, a mio parere, tende a peggiorare con un’aromatizzazione più marcata. Ahimè, il problema non si risolve nemmeno riducendo la percentuale di diluizione sotto il minimo consigliato dal produttore: fino all’8% Freya mantiene le caratteristiche sopra citate e non mi pare di potervi dire che migliori di molto; sotto l’8% il prodotto diviene davvero troppo blando per poter essere considerato giudicabile.

L’esperienza di svapo con Freya può migliorarsi leggermente aumentando le potenze di vaporizzazione che tendono a premiare leggermente l’ingrediente cheesecake e a limare in minima parte le asperità dei frutti rossi. Non aspettatevi un cambiamento netto e assoluto, ma per quanto mi riguarda meglio svaparlo dai 35 watt in su che dai 25 in giù.

 

Diluizione consigliata: 8-12%

Tempo di maturazione: 7-10 gg

ico 2

Pro: in mancanza d’altro… si può svapare perchè comunque non sgradevole.

Contro: poco cheesecake, molto frutti rossi, poco dolce, molto acidulo.

follow us: