Nome e formato: Honeydew Blackcurrant (Dr. Frost E-liquid)  – Aroma concentrato 20 ml in boccetta da 60 ml – ricevuto dal produttore

Lotto: 5 060321 123166 (codice a barre)

Data scadenza: n.d

Base utilizzata: 30 PG / 70 VG

Nico: 0 mg/ml

Devices: Asmodus Mini Minikin 50W + Geekvape Ammit MTL RDA single alien fused clapton coil 0.75 ohm (Ni80 30 awg x 3 + Ni80 38 awg) con Fiber N’ Cotton.


Con i mesi più caldi ormai alle porte, abbiamo pensato di tornare tra le lande ghiacciate del Dr. Frost e proporvi un altro dei suoi freschissimi aromi della linea Polar Ice Vapes. Scoperti durante il Vapitaly 2018, durante tutto l’anno appena trascorso, abbiamo vivisezionato e recensito questi aromi concentrati, frutto di ricette ben collaudate e non del tutto inedite nel panorama internazionale degli e-liquid. I Dr. Frost battono il sentiero ampiamente collaudato della tradizione malaysiana (eh si perchè si tratta di liquidi malesiani realizzati per il mercato inglese) nella produzione di liquidi per lo svapo, fruttati e freschi, anzi meglio dire ghiacciati.

Le produzioni malesi, è innegabile, hanno da diversi anni un certo appeal nel settore e a nostro avviso sono comunque sempre (o quasi sempre) meritevoli di attenzione, se non altro perchè i liquidi malesi, sono in assoluto quelli che meglio  di tutti riescono a trasferire il senso di gioviale freschezza tipico del vaping. Divertenti e sbarazzini.

La linea completa dei Dr. Frost prevede, si compone di sei gusti: Orange Mango Ice, Grape Ice, Watermelon Ice, Strawberry Ice, Cherry Ice e Honeydew Blackcurrant.

Con la degustazione odierna di Honeydew Blackcurrant si conclude dunque il nostro viaggio polare nel regno del Dr. Frost. Honeydew Blackcurrant è così presentato ufficialmente:

Sweet and ripe honeydew melon breaks out into a cluster of juicy blackcurrants with a frosty ice finish.

Un melone zuccherino dolce e maturo esplode in un grappolo di succosi ribes neri con un finale ghiacciato.

La boccetta in mio possesso è una chubby gorilla da 60 ml e contiene 20 ml di aroma in glicole al quale bisognerà aggiungere 40 ml di glicerina vegetale eventualmente addizionata con nicotona. Poca spazio alla creatività è stato lasciato per l’etichetta del prodotto, molto semplice e lineare: logo del brand (un pupazzo di neve tra i ghiacchi con cilindro e stetoscopio al collo a testimoniare che trattasi appunto di un dottore) su un fondo semitrasparente colorato (un colore per ogni gusto). In merito alle informazioni sul prodotto, l’etichetta riporta nome dell’e-liquid, contenuto in ml e tipologia (nella circostanza “aroma concentrato”), info di avvertimento, ingredienti, avvertenze d’uso e info anagrafiche del produttore. Completano l’etichetta un codice a barre identificativo del lotto di produzione, e i consueti simboli di pericolo e divieto ai minori di 18 anni.

PROVA OLFATTIVA

All’olfatto Honeydew Blackcurrant esalta la forza penetrante di un intenso ribes nero che fuoriesce dalla boccetta con grande veemenza mostrando tutte le sue note acidule e selvagge. Il carattere del ribes insieme ad un velo alcolico non trascurabile, riducono al minimo la percezione delle profumazioni più dolci di questa ricetta che dovrebbero essere garantite dalla presenza di un melone maturo.

In effetti, dopo ripetute pressioni sulla boccetta, sento affiorare dalle retrovie leggerissime punte profumate e dolci nelle quali riconosco i timbri aromatici del melone, ma ad esser sincero appaiono più che mai tramortite in questa prova olfattiva dalle componenti più acidule del mix.

Mi affido alla prova di svapo drippando le prime gocce di Honeydew Blackcurrant all’interno del mio Ammit MTL RDA di Geekvape, atomizzatore validissimo soprattutto per un rapporto qualità/prezzo assolutamente imbattibile, e comincio a tastare le fattezze dell’e-liquid durante la vaporizzazione.

PROVA DI SVAPO

La svapata si propone subito con la vivacità tipica dei liquidi di questo produttore, risulta fresca e travolgente e si fa apprezzare per i suoi connotati decisamente estivi. Con una svapata in flavor chasing e dunque a wattaggi decisamente “umani”, l’impatto ice è sicuramente più contenuto e questo a mio parere migliora la gradevolezza del tutto oltre che la restituzione aromatica sul palato dei vari ingredienti.

Honeydew Blackcurrant sotto le vesti sbarazzine di un liquido brioso ed estivo, nasconde in realtà una struttura aromatica più complessa di quanto mi potessi immaginare soprattutto se paragonata ai precedenti liquidi del produttore.

Le note di testa di Honeydew Blackcurrant sono appannaggio di un vibrante e molto realistico ribes nero che si prende la scena aromatica con intraprendenza ma anche con grande intelligenza. Il Ribes Nigrum risalta in inspirazione con il suo caratteristico sapore “volpino” ma a differenza di quanto percepito all’olfatto, durante la boccata  non risulta sovra-dosato anzi, mi pare molto ben calibrato. A dimostrazione di ciò c’è il fatto che nelle battute centrali della svapata, un gradevole contrasto dolce-acidulo si propone sul palato perfettamente bilanciato.

Sfumature morbide e vellutate di melone si affacciano e si percepiscono sempre più nitidamente all’interno della struttura aromatica di Honeydew Blackcurrant.

Il melone Honeydew (per noi semplicemente melone verde) o “Rugiada di miele”, ha origini nordamericane e la sua polpa bianco-crema è ricca di succo e di zucchero, con un delicato e dolce profumo che ne fa uno dei più prelibati frutti da consumarsi durante l’estate.

La valenza di quest e-liquid si manifesta nella dolcezza trasmessa senza l’utilizzo di agenti dolcificanti ma solo con le caratteristiche aromatiche proprie del melone, che risalta in tutta la sua naturalezza accostandosi benissimo alle sfumature profondamente diverse ma altrettanto ammiccanti del ribes nero.

E una leggera coltre di ghiaccio le attraversa…

Diluizione consigliata: circa 33% = aggiungere 40 ml di glicerina vegetale all’interno della boccetta contenente l’aroma.

Tempi di maturazione: Pronto subito.

Pro: L’armonia di una ricetta estiva che sa fondere benissimo elementi aromatici profondamente diversi tra loro.

Contro:

follow us: