Nome: Limit (Kizoku) – Atomizer – ricevuto da Heavengifts

Tipo: Atomizzatore RTA e a testine

Colori: Nero, Acciaio, Canna di fucile

Prezzo: ~ € 35


Limit, l’atomizzatore dual use prodotto da Kizoku

Per la recensione odierna abbiamo deciso di parlarvi di un nuovo atomizzatore, per la verità già presente su alcuni shop italiani, ma che fino ad ora ci sembra sia passato abbastanza inosservato al grande pubblico dei vaper di casa nostra. L’atomizzatore in questione è il Limit del brand Kizoku (marchio appartenente all’azienda produttrice cinese Vapeonly Technology). Il Limit possiede una singolare (e forse inedita a nostro ricordo) caratteristica, è un atomizzatore dual use che può essere utilizzato sia come rigenerabile (RTA) che come atomizzatore a testine. Il suo ambito di utilizzo va dallo svapo di guancia puro (pure MTL) al restricted flavor chasing (restricted DL).

Osserveremo da vicino il Limit per capire se l’apparente disinteresse mostrato dal nostro mercato nei suoi confronti sia giustificato o meno.

Iniziamo a osservarlo partendo come di consueto dal contenuto della confezione.

IN THE BOX

1 x Limit atomizer
1 x vetro di ricambio
1 x cacciavite
2 x viti
1 x pad di cotone
1 x o-ring in silicone
1 x coil MTL
1 x Manuale utente
1 x Carta di garanzia

DESIGN AND BUILD QUALITY

Il Limit, costruito interamente in acciaio 304, non presenta alcun tipo di imperfezione costruttiva, è ben realizzato e in mano lascia un buon senso di solidità. Riteniamo che non possa essere inserito nella fascia degli atomizzatori high end top di gamma, ma a nostro giudizio la sua qualità costruttiva è indiscutibilmente buona per il segmento del mercato entry level. Apprezzabili sono le soluzioni tecniche delle finiture zigrinate del top cap per il refill e della ghiera dell’airflow, funzionali e al tempo stesso anche piacevoli visivamente.

Gli unici appunti che si possono fare a questo prodotto in fatto di qualità costruttiva, riguardano il pin 510 (non regolabile) davvero molto poco sporgente, tale da non renderlo ideale per un uso su mod meccaniche, e la ghiera di controllo dell’aria il cui o-ring di tenuta appare un po’ troppo lasco. Al di là di queste comunque minime imperfezioni, il Limit ci ha convinto per le sue fattezze e anche per il design sobrio e pulito che lo contraddistingue.

FEATURES

Il Limit è un device compatto del diametro di 22mm, con un’altezza di circa 56 mm e un peso di poco superiore ai 55 gr; la capienza è di 3 ml scarsi (sebbene alcuni siti e la confezione stessa del sample in nostro possesso indichino solo 2 ml di capacità).

Si compone di otto pezzi complessivi ma va detto, per rassicurare i molti lettori, che non è affatto necessario disassemblarli tutti per le consuete operazioni di lavaggio e pulizia. Partendo dall’alto abbiamo dunque il drip tip 510, il top cap, la parte alta della camera di vaporizzazione, il vetro tank, la parte bassa della camera con camino, il deck, l’anello per la regolazione dell’aria e la base.

La caratteristica principale di questo atomizzatore è quella di essere utilizzabile sia come rigenerabile (RTA) che come atomizzatore a testine. Per passare dall’una all’altra configurazione è sufficiente svitare il deck sostituendolo con la testina. Per rendere il prodotto il più possibile appetibile e assolutamente performante, il produttore ha deciso di predisporre questo atom per le testine BVC Aspire della serie Nautilus, senza ombra di dubbio tra le migliori (se non le migliori) in commercio soprattutto per lo svapo di guancia.

Il deck è un single coil a torrette contrapposte con un foro sotto coil del diametro di 2mm. Lo spazio tra le due torrette e la dimensione delle vaschette per l’inserimento dei baffi di cotone, suggeriscono l’utilizzo di una coil del diametro di 2,5 mm con un valore resistivo (secondo il nostro parere) compreso tra o,8 e 1,3 ohm. Il camino ha dimensioni piuttosto ridotte e presenta in basso tre asole per l’ingresso del liquido. Nella parte alta, il camino termina con un foro di 3,5 mm, che va a connettersi perfettamente al foro del drip tip. Il controllo dell’aria in basso è stato progettato per essere utilizzato con diverse combinazioni: si può scegliere tra un’asola completamente aperta e parzializzabile a proprio piacimento, oppure ci si può divertire con la soluzione a fori singoli (tutti del diametro di 1,2 mm) scegliendo da un minimo di 1 foro fino ad un massimo di 6 fori aperti.

COILING, WICKING AND FILLING

E’ davvero semplicissimo utilizzare il Limit in configurazione clearomizer, in quanto la testina va semplicemente svitata/riavvitata sulla base dell’atom per poi attendere qualche minuto dopo aver caricato il liquido all’interno del tank. Ma vediamo cosa accade se si utilizza il deck rigenerabile. Se si utilizza il Limit in configurazione RTA e si ha un minimo di dimistichezza con questo tipo di sistemi, le operazioni di inserimento coil risulteranno più che mai agevoli e immediate. Anche il posizionamento del cotone risulta piuttosto agevole, anche se è richiesta un minimo di accortezza sulla porzione di cotone che dovrà sbucare dalle piccole feritoie laterali delle vaschette. E’ importante non pressare troppo il cotone nelle vaschette, lasciando un minimo di spazio necessario alla risalita del liquido verso la coil.

Il refill del liquido sul Limit (top refill) è semplicissimo e assolutamente sicuro, grazie ad un sistema childproof che impedisce la benché minima fuoriuscita di liquido. Per riempire il tank è sufficiente ruotare in senso antiorario la ghiera zigrinata del top cap, e far scorrere lo stesso spingendo in corrispondenza della piccola freccia disegnata sul corpo dell’atom. A questo punto comparirà un’asola di riempimento, dotata tra l’altro di una membrana (anti perdite) in silicone, dove si dovrà inserire il becco della boccetta dell’e-liquid prescelto. Le soluzioni adottate dal produttore, seppur non nuove nel mondo degli RTA, sono state realizzate tutte con incredibile meticolisità e precisione.

PERFORMANCES AND FLAVOUR

Proprio per la sua natura “dual” ci è parso doveroso testare e analizzare le prestazioni del Limit nelle due configurazioni possibili, a testine e come rigenerabile.

Test con testine Aspire Nautilus BVC

Abbiamo utilizzato le BVC head coil da 0,7 ohm (range di svapata 18-23 watt) e le BVC head coil da 1,8 ohm (range di svapata 10-14 watt). Il tiro è preciso e silenzioso e l’hit tutt’altro che trascurabile. Nessun problema di condensa o perdite di liquido. Infine, la cosa che più conta, le prestazioni aromatiche ci sono apparse identiche a quelle di un Aspire Nautilus 2s, l’ultimo nato della grande famiglia Nautilus; per intenderci siamo nel top di gamma in fatto di resa nel campo degli atomizzatori a testina per svapo di guancia.

Test con deck rigenerabile

Da una prestazione eccellente all’altra. Il Limit ci ha sorpreso tantissimo anche e soprattutto come rigenerabile. Silenziosissimo, fluido e con un hit lodevole. Il tiro può variare dal restricted flavor chasing al tiro di guancia chiuso e contrastato. Nei nostri test, mai una perdita, mai un fastidioso sibilo o gorgoglio e assolutamente nessun problema di condensa sotto il drip tip. Difficile chiedere di più ad un atomizzatore che, pur nella sua semplicità, risulta tecnicamente perfetto… Specie se a tutto ciò si aggiungono performance aromatiche di assoluta qualità.

Grazie a una camera di vaporizzazione piuttosto piccola, il Limit è un atomizzatore che “secca” (come si dice in gergo), ed è pertanto in grado di esaltare al massimo gli spartiti aromatici di liquidi fruttati complessi ma poco dolci e dei blend tabaccosi scuri. Siamo dinanzi ad un RTA che più che amalgamare e unire, tende a sfaccettare benissimo le componenti degli e-liquid, cosa che, a voler essere pignoli, probabilmente gli fa perdere qualcosina con i cremosi e i tabaccosi aromatizzati alle creme, notoriamente bisognosi di atomizzatori più portati all’arrotondamento della struttura aromatica di un’e-liquid.

In generale il Limit ha sfoderato prestazioni di qualità elevatissima, andando ben oltre oltre ogni limite delle nostre aspettative. Chapeau!

TO CONCLUDE

I progettisti del Limit, partendo da soluzioni ampiamente collaudate nel settore, hanno realizzato un atom semplice dalle prestazioni eccelse. E poi c’è la chicca del duplice utilizzo che, per quanto possa sembrare appannaggio solo di un’utenza entry level, in realtà così non è, credeteci. Parola di scout!

Consigliato a: Newbies, skilled e hardcore vapers.

THE FLAVOURIST RESPONSE
  • 7.5/10
    In the box - 7.5/10
  • 9/10
    Design & Build Quality - 9/10
  • 9.5/10
    Features - 9.5/10
  • 9.5/10
    Coiling, Wicking and Filling - 9.5/10
  • 10/10
    Performances and Flavour - 10/10
9.1/10


follow us: