Recensione Liquido Pronto:  PBLS (Glas Vapor) 75 ml – ricevuto dal produttore

Lotto: n.d.

Nico: 0 mg/ml

Base dichiarata: 35 PG / 65 VG

Data scadenza: n.d.

Devices: Wismec Predator 228 w + Hobo 3.1 RDA single coil 0.4 ohm (Kanthal A1 24 awg 0.5 mm) con Native Wicks Cotton.


A partire da oggi un altro celebre marchio statunitense entra nella ormai nutritissima schiera di brand presenti nell’archivio di The Flavourist.

Glas Vapor da Los Angeles è dal 2014 in tutto il mondo sinonimo di elevata qualità e raffinatezza. L’azienda oltre ad essere conosciuta per la sua linea di liquidi, si occupa anche di produzione artigianale di mod di altissima qualità. Noi ci occuperemo come di consueto di liquidi ma se mai dovesse capitarci tra le mani un prezioso device Glas, non ci faremo sfuggire l’occasione di potervelo raccontare nei minimi particolari.

L’e-liquids che recensiamo oggi per voi è PBLS:

Crisp, vanilla macaroon layers with fruit-infused cereal and sweetened, fresh milk – A rainbow of flavors.

Croccante, strati di macaroon alla vaniglia con infuso dolcificato di cereali alla frutta e latte fresco – un arcobaleno di sapori.

La boccetta di PBLS e di tutta la linea di Glas, non ha bisogno di descrizioni o presentazioni: va solo contemplata e ammirata. Sarà banale ma è evidente che sua linea ricorda una boccetta di un eau de parfum dei più pregiati e costosi. Solo possederla è un fatto di prestigio. Non siamo però a conoscenza di notizie certe sull’eventuale adeguamento dei prodotti Glas per il mercato europeo. Contiamo di dirvi qualcosa di più nelle prossime recensioni.

All’olfatto, un lievissimo sottofondo alcolico non impedisce la percezione di generiche note fruttate con una leggera dominante agrumata. Un mix fruttato indeterminabile eccezion fatta per la componente agrumata (quasi sicuramente limone) che va a poggiare su una base leggermente cremosa. La sensazione generale è quella di un liquido dai connotati freschi e morbidi. Il carico aromatico appare medio alto e la sua struttura pur non presentando profumazioni inedite, restituisce una sensazione piacevole e delicata.

Per la prova di svapo ho configurato il mio Hobo RDA con una resistenza medio alta; considerando la sua composizione, testerò l’e-juice intorno ai 40 watt.

La prova di vaporizzazione rivela sin dalle prime boccate le caratteristiche tipiche di un liquido cosidetto ai cereali alla frutta che già da diverso tempo spopola tra gli appassionati durante le stagioni estive. Un genere di e-liquid è vero molto diffuso ma anche ormai molto inflazionato. The Flavourist ne ha incontrati diversi e nella gran parte dei casi il giudizio è stato poco lusinghiero. Modesta fedeltà dei liquidi alla realtà, artificialità dei sapori e carichi aromatici troppo elevati. E PBLS?

Su una cornice aromatica non abusata, in inspirazione mi accoglie una nota confusa di frutta mista e indecifrabile, accompagnata da una leggera finitura cremosa che con buona probabilità può essere accostata a del latte fresco. Pochi istanti e la nota fruttata si caratterizza in modo esplicito e perentorio per il suo timbro agrumato, chiaramente limone, poco naturale e molto simile ad una caramellina al limone. Un tipo di aromatizzazione già osservata in altri prodotti simili che lascia sul palato la sensazione d’essere alle prese con un integratore multivitaminico. Un tipo di aromatizzazione che non mi affascina per qualità.

La componente fruttata si combina con elementi aromatici che seppur vagamente riescono a restituire una sorta di percezione di cereali, molto blanda ma comunque presente. Evidente appare l’utilizzo di additivi come supporto per ricreare questo tipico sapore: esenolo, ethyl maltolo e forse un pizzico di acetyl pirazina, non sfuggiranno ai vapers più attenti. L’aroma al limone affiancato e mitigato nella sua acidità dall’ingrediente latte, conferisce al liquido una freschezza ed una morbidezza tale da renderlo un prodotto “estivo”.

tsunami-mechkit

L’intersezione tra frutti mixati con limone, latte e un sottofondo a base (forse) di cereali, prosegue costante durante tutte le fasi della svapata, che denota una buona fragranza pur restando nel complesso poco sfaccettata e forse un po’ monotona. Un liquido semplicemente gradevole o un liquido semplice e gradevole?

PBLS però rispetto ad altri liquidi dello stesso genere ha il vantaggio innegabile di non essere e soprattutto di non apparire troppo carico dal punto di vista aromatico. E’ un vantaggio? Per quanto possa sembrar strano, specie ai vapers d’ultima generazione, in questa circostanza si ed è sintomo di intelligenza da parte del produttore. Così concepito PBLS infatti mantiene una sua compostezza che compensa alcuni passaggi strutturali aromatici un po’ troppo anonimi.

Bilanciato e discreto, non stucca e non tradisce in uno svapo con device moderati anche prolungato.

Pro: Salvato dal carico aromatico moderato.

Contro: Il cereale è timido e la frutta poco naturale ed indefinibile.

follow us:
Instagram
Twitter
Visit Us
Follow Me
RSS