Nome e Formato: Pitoti (Vapor Cave) – Aroma concentrato 10 ml – ricevuto dal produttore

Lotto: n.d.

Nico: 0 mg/ml

Base dichiarata: 48 PG / 48 VG / 4 H2O

Data scadenza: 03-2021

Devices: Uwell Nunchaku 80 w+ EVL Reaper V3 RTA single coil 1.05 ohm (Ni80 28 AWG 0,32mm) con Fiber N’ Cotton.


Vapor Cave è uno dei principali marchi italiani dediti alla produzione di aromi di tabacco naturale estratto. Negli anni passati The Flavourist ha seguito a lungo le gesta di Vapor Cave e dei suoi tabacchi “organici”, infatti qui sul nostro blog, la sua pagina e le recensioni che lo riguardano, sono tra le più lette in assoluto, segno di un vasto apprezzamento da parte di tutti i vaper amanti di questa tipologia di e-liquid.

Ma dopo tante recensioni, all’improvviso il silenzio…

Il più grande attore che il cinema abbia mai conosciuto, Charlie Chaplin, diceva: “Il silenzio è un dono universale che pochi sanno apprezzare… L’animo umano si diletta nel silenzio della natura, che si rivela solo a chi lo cerca.”
E noi siamo rimasti in silenzio ad attendere, certi che un giorno l’anima di Vapor Cave si sarebbe nuovamente rivelata a noi con nuove idee e nuove creazioni. E lo ha fatto, immergendosi in questi anni di assenza nel silenzio della natura. E’ così che la famiglia Scolari è riuscita a realizzare un progetto unico e ambizioso, frutto di una dedizione e una passione davvero encomiabili.

Volete sapere di cosa si tratta? Ve lo raccontiamo riportandovi le parole stesse del produttore: “Da un idea folle, utopistica e di ricerca “sul campo”, nascono questi aromi totalmente e unicamente composti da estrazioni di materie prime autoprodotte (“dal campo al vapore”). Tre anni sono trascorsi dalla creazione di un’azienda agricola che si occupasse esclusivamente di produrre materie prime tramite coltivazioni “Total Natural” da poter utilizzare nelle nostre estrazioni aromatiche applicate allo svapo. Grazie ad un podere di poco più di 4 ettari, all’assistenza di agronomi specializzati e alla “folle” speranza di poter lavorare con materia prima autoprodotta, in anticipo sulle aspettative, proponiamo questi primi 4 aromi interamente composti da estrazioni aromatiche derivanti solo da materie prime da noi coltivate.”

Ora a The Flavourist l’arduo compito di verificare se i nuovi 4 aromi Vapor Cave, saranno all’altezza delle migliori creazioni del marchio. Potranno Pitoti, Le Rune, Bruma e Shaman competere con gli inossidabili Khymeia, Est Sobranie, Pure Latakia Strong e West, giusto per citarne alcuni?

Il nostro racconto alla scoperta dei nuovi aromi Vapor Cave comincia con Pitoti, che il produttore ci descrive così:

Miscela di Burley e Havana con affinazione Cavendish a fermentazione breve con aggiunta di estratto di castagna glassata”. Aroma “cremoso” e “autunnale”…

PROVA OLFATTIVA

All’olfatto Pitoti si presenta subito con un aria di novità… In primo piano dalla boccetta emerge un profumo deciso di castagna lessa, accompagnato da intensi e bruni sentori cremosi. Riconosco in queste note una notevole affinità con il sapore molto particolare delle “castagne del prete”, prodotto tipico campano ma anche di altre regioni del meridione. Si tratta di castagne essiccate a fuoco lento per un lungo periodo, successivamente tostate nel forno e infine immerse in acqua. In Pitoti l’odore della castagna è avvolto anch’esso da note fumose e vagamente tostate che, pur in presenza di una componente cremosa, conferiscono a questo aroma un timbro effettivamente autunnale, come riferito dal produttore. La prova olfattiva non rende invece giustizia alla componente tabaccosa che, come prevedibile, si percepisce solo pallidamente nelle retrovie.

Per la prova di svapo odierna, ho deciso di utilizzare l’atomizzatore RTA Reaper V3 di EVL Vapors, di cui vi ho parlato alcuni giorni or sono, un atom ideale per uno svapo di guancia volto ad esaltare le rotondità e le caratteristiche dolci e aromatiche degli e-liquid.

PROVA DI SVAPO

Si respira una suggestiva aria di antiche tradizioni approcciando Pitoti allo svapo. L’atmosfera durante la vaporizzazione ricalca le orme aromatiche percepite all’olfatto e l’e-liquid si propone subito con caldi toni crepuscolari. Brevi attimi tabaccosi supportano una struttura aromatica corposa e dall’ambientazione scura. La componente tabaccosa appare mediamente secca e piuttosto pulita, con impercettibili punte acidule.

Anche se privo di significative sfaccettature, il blend tabaccoso si dimostra il giaciglio ideale per accogliere le parti più rotonde di questo aroma.

Nel cuore della boccata infatti Pitoti si fa più rotondo, ma non perde mai la corposità che lo contraddistingue. Sfumature più dolci avvolgono una gustosa castagna lessa e l’impianto aromatico si arricchisce in intensità. Ora tabacco e ingredienti dolci si fondono elegantemente lasciando emergere lievi note fumose e a tratti biscottate.

La svapata è ricca e si diffonde sul palato con una sensazione che oserei definire pastosa. Un aroma decisamente pieno e gustoso e dal carattere indubbiamente autunnale.

In espirazione i tabacchi tornano a farsi sentire evidenziando delicatamente tratti legnosi che vanno a corroborarsi con la morbidezza del sapore dell’estratto di marron glacè.

Sono trascorsi circa 3000 anni da quando ad opera dei Camuni, probabilmente videro la luce le ultime incisioni rupestri della Val Camonica (Pitoti). Oggi la famiglia Scolari, in arte Vapor Cave, Camuni doc, ridà lustro a quell’arte rupestre millenaria, battezzando con il nome Pitoti uno dei suoi nuovi quattro nomi.

E lo fa a nostro giudizio incidendo ancora una volta sul panorama nazionale degli estratti di tabacco, con la creatività e l’arte aromatiera che lo contraddistingue.

Diluizione consigliata: 10%

Tempi di maturazione: pronto subito; consigliati 20-30 gg.

Pro: Un abbinamento creativo tra tabacchi e marron glacè realizzato con la raffinatezza tipica del produttore lombardo.

Contro: Non così nitide le caratteristiche dei due tabacchi utilizzati

follow us: