tobe

Recensione Aroma: Purple (ToB) 10 ml
Lotto: 1607041
Data scadenza: 01/2018

Base utilizzata: 50 PG – 50 VG
Nico: 3 mg/ml

Devices: RX200 + Shingen  spaced dual coil 0,32 ohm (ss316L 26 awg) con cotone organico giapponese.


La nostra pagina Facebook vi attende. Andate dunque su www.facebook.com/theflavourist e cliccate sul “mi piace” in alto a destra nella pagina, quello indicato dalle frecce gialle nell’immagine qui sotto.

flavourist_MIPIACE

Anni fa il mondo dello svapo vedeva negli aromi una soluzione furba per vivere la propria passione. Dapprima furono i grandi marchi di liquidi pronti a fornire la versione “aroma” dei loro maggiori prodotti. Il risultato non era mai pari all’originale. In seguito fu il momento di “aromi ingrediente” che permettevano al vaper di esprimere la propria creatività o inseguire ricette di cloni reinterpretati in modo non sempre efficace. Fu così che il “fai fa te” si impose sul liquido pronto – così fu almeno in Italia. Una pratica divertente, affidata al personale estro, che però non ha attecchito per molto. Tutti i limiti aromatici, legati al risultato o alla bontà degli aromi ingrediente, emersero. Ci sarebbe tanto da discutere a tal proposito.

Oggi l’interesse del vaper sembra essere ritornato sul liquido pronto. Sull’aspettativa di una ricetta perfetta e già pronta – costi quello che costi – ma che non ci costringa ad approvvigionarci di svariati aromi, fare tentativi… patire insuccessi e sprecare risorse. The Flavourist esiste anche per questo. I marchi che oggi continuano ad operare, magari in maniera non esclusiva, nel settore degli aromi, sanno di dover puntare alla qualità… investire nella produzione di un aroma li espone a non pochi rischi.

20161117_094554-01

L’aroma che trattiamo oggi – lo dico subito – non può essere visto come un aroma ingrediente. Il suo nome è “Purple” e… non ho nessuna voglia di capire il perchè. Ecco la descrizione ufficiale di questo aroma della ToB:

Un liquido corposo, con whisky e vaniglia, retrogusto deciso.

Un altro mistero sarebbe nel termine “liquido” presentato nella descrizione del Purple… sorvoliamo. Quello che appare certo è che ToB abbia voluto presentarci una ricetta enigmatica, seppur gli ingredienti principali sembrerebbero tanto semplici quanto poco interessanti. Whisky e vaniglia.

L’esame olfattivo svela una singolare nota alcolica dal carattere lievemente sintetico effettivamente incorniciato da note vaghe di vaniglia. La nota alcolica non sembra chiaramente incarnare le sfumature classiche del whisky. Un sottofondo caldo sembra emergere nelle note di coda. Questa nota calda è la sola a conferire base e struttura alle note aromatiche di testa, accentuando questa velatura enigmatica che caratterizza l’aroma oggi oggetto della recensione di The Flavourist.

La prova di svapo non è di facile interpretazione – devo essere sincero. Si rimane un poco vittima della descrizione presentata e di conseguenza disorientati. Purple è particolarmente sensibile alle temperature. Ho dovuto limitare la potenza ad un range tra i 24/26w e prediligere un tiro leggermente contrastato. Quello che emerge è un gusto whisky davvero poco credibile ed innaturale in fondo. Cosa che però può essere giustificata dal desiderio di non proporre un aroma troppo invasivo o alcolico. Nel complesso però il bilanciamento tra note acide, cremose e vanigliate, funziona pur non esprimendo un carattere particolarmente elegante. E’ un po forzata la scelta di inserirlo fra gli aromi cremosi. Non ha spiccate caratteristiche in tal senso.

whisky

Purple è un aroma “spigoloso” che – contrariamente a quanto percepibile a livello olfattivo – affida la sua struttura aromatica ad una vaniglia poco cremosa di difficile interpretazione. Vaniglia Burbon? Quasi. Mancano in realtà note brulè, che avrei apprezzato e che avrebbero conferito maggiore eleganza. Un aroma ricetta… e non un aroma ingrediente pur trattandosi (stando alla descrizione) solo di un incerto whisky e vaniglia. Un nuovo “azzardo” della ToB che rischia, di essere però particolarmente apprezzato da molti… ma non da tutti.

Misurata e povera la dolcezza del tutto. Lo si svapa senza un vero perchè, ma è in fondo gradevole. Se potessi rivedere le mie scelte, opterei per un sistema, un atom, bottom feeder in single coil. Purple non rievoca nessun dessert. Un cioccolato, una crema di carattere, un biscotto, avrebbero conferito all’aroma un’identità più chiara nel panorama degli aromi cremosi. Non è un aroma cremoso? Mi chiedo cosa sia allora. Pur non potendo nascondere una personale delusione, ritengo che Purple sia un aroma interessante che però vada saggiamente usato e consumato. Lo utilizzerei in alternanza ad aromi di tabacco organico. Mai in alternanza con liquidi cremosi di gran gusto e struttura. Proprio la ricchezza aromatica di questi ultimi, renderebbe il passaggio deludente. Questo aroma non è di certo un “all day”…annoierebbe.

Diluizione consigliata: 10-15%.

Tempi di maturazione: 2/3 giorni.

ico 2

Pro: Nulla di particolare da segnalare.

Contro: Poco incisivo. Poco credibile l’aroma whisky. Manca di struttura ed eleganza. Requisiti fondamentali in un mix in fondo così semplice.

follow us:
Instagram
Twitter
Visit Us
Follow Me
RSS