Nome e Formato: Sharm (Iron Vaper) – Aroma concentrato 20 ml – ricevuto dal produttore

Lotto: 1909253

Nico: 0 mg/ml

Base dichiarata: 50 PG / 50 VG

Data scadenza: 09/2021

Devices: Vaporesso Gen 220W + Steam Crave Aromamizer Lite RTA single fused clapton coil 1,0 ohm (Ni80 30 awg x 2 + Ni80 38 awg) con Cotton Bacon Prime.


Non abbiamo mai parlato qui sul nostro blog di Iron Vaper, una giovane e dinamica azienda italiana che produce liquidi (principalmente cremosi e fruttati) destinati al vasto pubblico dei vaper amanti del cloud chasing e anche del flavor chasing. E alla fine giunse il giorno…

Così oggi daremo spazio per la prima volta a questa azienda della provincia di Salerno, incuriositi molto da una delle sue ultime creazioni: Sharm.

E’ sufficiente osservare la confezione del prodotto, per comprendere che Sharm (buon nome comunque non mente) si ispira all’antico Egitto. Una graziosa piramide di cartone accoglie una chubby gorilla da 60 ml, contenente 20 ml di aroma concentrato ai quali andranno aggiunti altri 40 ml di base per ottenere la miscela pronta da svapare. Su una vivace e orientaleggiante etichetta con sfondo ricco di geroglifici, non possiamo non notare l’accuratezza e la completezza delle informazioni riportate (esattamente come sulla confezione a piramide), dai riferimenti del produttore, passando per le info prodotto e terminando con i vari pittogrammi di pericolo.

Non essendo riusciti a reperire dal sito ufficiale del produttore una descrizione ufficiale di Sharm, ci avvaliamo di una delle descrizioni reperite in rete da e-cig shop che commercializzano questo prodotto:

Delizioso marzapane alle mandorle arricchito da una dolce crema all’Argan. Il tutto è equilibrato da particolari spezie orientali che rendono questo liquido unico nel suo genere.

PROVA OLFATTIVA

Sin dalla prima annusata Sharm (creato in collaborazione con l’influencer Stefano Porcelli) mostra senza alcun timore quella che ci piace definire la sua dolce anima mandorlata. Il carico aromatico è importante, come si conviene per i liquidi creati appositamente per il cloud chasing, ma nonostante ciò non sfuggono all’olfatto alcune sottili anche se non chiaramente identificabili nuances speziate che, affiancandosi al profumo dominante della mandorla, formano un mix alquanto dolce, ricco e gustoso. Devo essere sincero: se penso all’Egitto, la mia immaginazione corre verso lidi e profumi molto più speziati e decisamente meno dolci, ma qui si entra nell’ambito di valutazioni soggettive che devono opportunamente restar fuori dalle analisi aromatiche delle nostre recensioni.

L’atomizzatore scelto per questo test è ancora una volta il sorprendente e forse un po’ sottovalutato Steam Crave Aromamizer Lite, un atomizzatore rigenerabile da 23 mm in grado di esprimersi al meglio con diverse tipologie di e-liquid e soprattutto in flavor chasing.

PROVA DI SVAPO

Se nella prova olfattiva Sharm non mi aveva sorpreso più di tanto, presentandosi come un buon cremoso, dolce e con qualche leggerissimo spunto speziato, le cose cambiano radicalmente durante la prova di vaporizzazione e, sin dalla prima boccata l’aroma di Iron Vaper si svincola dalle sensazioni olfattive, lasciando i panni del classico cremoso e vestendo quelli di ricetta alquanto inedita e sofisticata.

Sorprende infatti la ridotta dolcezza che mi accoglie nella fase di inalazione, capace di mostrare al contrario intriganti sentori speziati avvolti da una leggera e misteriosa aurea tostata. Assolutamente non facile descrivere le componenti che irrompono in inspirazione, ma alcuni sentori grassi e vegetali con sottili sfumature nocciolate, suggeriscono e riflettono bene l’idea di un olio vegetale d’argan.

Olii e creme d’argan si ottengono dalla lavorazione dei semi dell’argania spinosa del Marocco e, per le loro proprietà benefiche, sono molto utilizzati in cosmetica, soprattutto per il benessere e la cura della persona. Ma nello svapo, mai nessun produttore a nostro ricordo, fino ad ora se ne era servito…

Dopo i sofisticati sentori d’avvio, Sharm irrobustisce il suo carico aromatico, e presenta nella seconda parte della boccata un’importante impronta cremosa. Ora il bouquet affianca alle note orientali, una gustosa e dolce pasta di mandorle che si prende prepotentemente la scena.

Nel cuore della boccata e fino alla consistente persistenza aromatica post svapata, il contributo dolce del marzapane di mandorle, è molto evidente e altresì molto gradevole perchè reso dal produttore in modo naturale e realistico. Non sfugge però a mio avviso avviso, un rafforzamento della componente zuccherina, dovuta al contributo di una discreta dose di sucraolosio (o agenti simili) e probabilmente ad una lieve punta vanigliata.

In configurazione da cloud chasing si esaltano le note più dolci e cremose di Sharm, la svapata è grassa e corposa, ma inevitabilmente presenta uno spartito aromatico più compresso; al contrario se provato in flavor chasing anche piuttosto ristretto, Sharm forse perde leggermente in rotondità a favore di un bouquet più ricercato e sfaccettato, e conservando comunque i suoi toni dolci e cremosi.

Diluizione consigliata: 33%

Tempi di maturazione: pronto subito.

Pro: Un cremoso gustoso e ricercato con ingredienti atipici.

Contro: In cloud chasing il liquido eccede in dolcezza e risulta un po’ confuso e impastato.

follow us:
Instagram
Twitter
Visit Us
Follow Me
RSS