Nome e Formato:  The Visit (Decima E-liquid) – Aroma concentrato 20 ml in boccetta da 60 ml – ricevuto dal produttore

Lotto: VS001

Nico: 0 mg/ml

Base dichiarata: 30 PG / 70 VG

Data scadenza: 15-06-2020

Devices: Innokin Proton 235W + Wotofo Recurve RDA single fused clapton coil 0,34 ohm (Ni80 28 awg x 3 + Ni80 40 awg) con Cotton Bacon V 2.0.


Iniziamo questa nuova settimana di recensioni tornando a parlarvi dell’azienda palermitana Decima E-liquid, già protagonista qui sulle nostre pagine grazie ad alcune creazioni davvero eccellenti che vi consigliamo di leggere quanto prima se non l’avete già fatto. Comprenderete al meglio la qualità generale dei prodotti offerti da questa azienda (cliccate qui per accedere alla pagina con tutte le recensioni di Decima). Oggi in particolare riprendiamo le recensioni relative alla linea Galactic Steam Series, una linea di shot aromatici fruttati e freschi adatti alla stagione estiva (boccette easy unicorn da 60 ml contenenti 20 ml di aroma glicolico). Esuberanti ai sensi del gusto e dell’olfatto limone e mandarino restituiscono l’integrità del sapore-aroma del frutto da cui derivano. Equilibrati e delicati mix di frutti esotici e allogeni completano la serie. Abduction, Final Space, Contact e The Visit sono i nomi delle quattro creazioni di questa linea.

Dopo avervi parlato dell’aroma Abduction, oggi ci occupiamo di The Visit:

Gusto fruttato e dolce, prodotto della combinazione di frutti esotici dal sapore vivace in sinergia con il profumo della scorza di lime grattugiata. Un gusto originale ed innovativo che esalta le papille gustative e rende la svapata gradevole e vivace.

L’apertura della boccetta per la consueta prova olfattiva, che come sempre fa da apripista al test di vaporizzazione, mi presenta una vivace e penetrante profumazione agrumata, che si prende la scena riuscendo a celare abbastanza bene tutti i sentori che compongono lo spartito aromatico di questo e-liquid. I sentori agrumati appaiono particolarmente pungenti ed aspri e questo lascia chiaramente intendere che ci possa essere una presenza preponderante di limone o al più di lime. in questo senso l’immagine qui sopra, presa gentilmente dal sito del produttore, parrebbe chiarirmi il dubbio, illustrando in primo piano il verde acceso e lucido di un lime fresco.

Al di la del lime, riesco comunque a percepire una cornice generale di chiaro stampo esotico pur senza riuscire ad individuarne i singoli componenti fruttati.

Ho deciso anche in questa circostanza, di affidare The Visit alle “grinfie” del Wotofo Recurve RDA disegnato da Mike Vapes, atom validissimo dal punto di vista aromatico soprattutto per uno svapo da flavor.

La prima boccata di The Visit chiarisce subito un aspetto di questo e-liquid: non si tratta di un liquido fresco, un fruttato si ma senza la componente “ghiaccio”. E la prima considerazione che mi sovviene è che The Visit non sia propriamente un prodotto stagionale, ma al contrario può considerarsi un fruttato molto versatile adatto ad essere svapato tutto l’anno.

Durante l’inspirazione, un energico sentore agrumato si aggrappa subito alle mia papille, provocando un temporaneo stordimento delle stesse che faticano a distinguere altre sfumature aromatiche. Sono necessari alcuni minuti di rodaggio affinché le papille stesse si abituino all’aspro e all’acidulo del lime, peraltro molto gustoso e dai connotanti assolutamente naturali (nessun sentore chimico di agrumi), prima di riuscire ad entrare nelle profondità aromatiche più recondite di questa ricetta. Ho comunque la sensazione che resterà ardua l’impresa di riconoscimento dei singoli ingredienti utilizzati per creare The Visit.

Dopo alcuni minuti e col proseguo delle boccate, la percezione fortemente aspra del lime si attenua e una insospettabile e delicata dolcezza si affaccia sulla scena accarezzando il palato con sapiente eleganza e accrescendo la percezione esotica di questo bouquet fruttato. Le spartito aromatico però, eccezion fatta per una vaga sensazione aromatica che ricorda un po’ il fico d’India, continua a presentarsi davvero poco sfaccettato e resta molto difficile riuscire a cogliere la presenza di altri frutti al di fuori del lime.

Difficile ma forse non impossibile, altrimenti non sarei qui a parlarvene. La dolcezza che lentamente emerge nel cuore della boccata appare insita nel mix fruttato, quindi a mio parere non “provocata” dall’aggiunta di dolcificanti esterni. In questo senso la presenza della pitaya e del kiwi, illustrati dal produttore stesso, giustificherebbero questa mia sensazione, visto che entrambi i frutti per loro caratteristiche posseggono un sapore molto fresco, leggero e dolcemente acidulo.

E un leggero sentore di kiwi si affaccia sul palato durante l’espirazione, probabilmente coadiuvato anche da minime ma incisive velature di uva fragola. Il timbro gradevolmente esotico di The Visit permane anche nel post svapata grazie ad una equilibrata e gustosa persistenza aromatica che rende il liquido un perfetto all day e un brioso all seasons.

Diluizione consigliata: 33% circa

Tempi di maturazione: pronto subito

Pro: Un elegante liquido fruttato, dai toni delicati ed equilibrati ideale per tutto l’anno. 

Contro: Difficile individuare con facilità le singole sfumature fruttate del mix.

follow us:
Instagram
Twitter
Visit Us
Follow Me
RSS