Fuoco Angolo della Guancia – Recensione

INTRODUZIONE

L’azienda di Reggio Emilia Angolo della Guancia, molto ben conosciuta in Italia per i suoi distillati di tabacco (Syrian H2O e Quintaessenza su tutti), ha presentato alla fine dell’anno 2020 una nuova linea di aromi concentrati chiamata “Element”. I nomi scelti per i quattro aromi sono semplici ma quanto mai evocativi: Aria, Fuoco, Terra e Acqua, ovvero i quattro elementi naturali da cui trae origine ogni sostanza di cui è composta la materia. La linea si compone di tre estratti microfiltrati di tabacco (Aria, Terra e Fuoco) e un aroma al whisky ottenuto mediante processo di distillazione (Acqua).

Sebbene sia tanta la curiosità nei confronti proprio di quest’ultimo aroma, comincerò a testare uno dei tre aromi al tabacco e nella fattispecie mi occuperò della recensione dell’aroma “Fuoco”.

Angolo della Guancia Fuoco Aroma boccetta 10 ml

FUOCO DESCRIZIONE

L’aroma concentrato Fuoco è commercializzato come tutti i prodotti della linea Element in una boccetta di vetro ambrato da 10 ml da diluire, in base a quanto suggerito deal produttore stesso, al 10%. E’ altresì consigliata una composizione finale quanto più prossima possibile al VPG 50/50. Gli aromi della linea Element non necessitano di maturazione, anche se non vi nascondo che alcuni giorni di steeping a mio avviso ne migliorino il risultato aromatico.

Andando sul sito ufficiale del produttore, mi accorgo che non esiste una descrizione ufficiale di Fuoco e il prodotto viene presentato semplicemente elencando i tabacchi che compongono il blend:

Isfahani Samsun Virginia (microfiltrato)

PROVA OLFATTIVA

La colorazione giallo paglierino pallido e i tabacchi utilizzati per creare questo blend, mi lasciano intendere che probabilmente non riceverò particolari input dalla prova olfattiva di Fuoco. Eppure quando inizio ad annusare dalla boccetta del liquido pronto da svapare, non senza sorpresa, scorgo un’impronta tabaccosa tutt’altro che trascurabile, niente di particolarmente strong sia chiaro, ma sicuramente più marcata di quanto mi aspettassi.

L’esame olfattivo di Fuoco fa emergere una chiara base vegetale con classiche sfumature di cuoio, ma c’è dell’altro e lo si percepisce subito. L’impatto è insolitamente robusto, anzi meglio dire, più robusto delle mie attese; il letto vegetale è arricchito da leggere ma penetranti inserzioni acidule dal carattere spiccatamente orientale. Un profumo invitante, delicatamente elegante ma non elusivo. Fuoco all’olfatto desta tutta la mia attenzione e curiosità in quanto, pur essendo un mix di tabacchi orientali classificabili come un light blend, appare decisamente più impertinente e vivace di un classico Oriental.

Tabacco Samsun

PROVA DI SVAPO

Devices: ExVape Expromizer V3 Fire RTA single coil 1,10 ohm (Kanthal A1 28 AWG) + Flash e-Vapor 4.5s RTA single coil 0,9 ohm (Kanthal A1 27 AWG) con Fiber N’ Cotton.

 

Per la recensione di Fuoco ho deciso di confermare l’accoppiata di atomizzatori tedeschi che è divenuta di casa nelle mie prove di svapo: l’Expromizer V3 Fire di ExVape la versione 4.5 S del Flash e-Vapor.

Sin dalla prima boccata provo un certo piacere nell’assaporare gli effluvi di questo aroma. La svapata di Fuoco porta subito alla ribalta durante l’inalazione le note vegetali avvertite durante il test olfattivo, ma mette in luce anche un’incisività e un timbro analogico davvero insospettabile e oltre modo più che apprezzabile. Il gusto crudo del tabacco è sempre piacevole da sentire ma se, come in questo caso, è supportato da sfumature in grado di spezzarne l’eccessiva “monotonia”, a mio parere è anche meglio.

Isfahani tabacco per narghilè

 

Il tabacco Isfahani (o Asfahani o ancora Asfahini) è l’artefice di queste percezioni così intriganti da risvegliare in me l’apprezzamento estremo per un bouquet che non si avvale di tabacchi fire cured per risultare robusto e deciso. Perchè se è vero che nell’immaginario collettivo dei vaper, un blend è da ritenersi scuro e strong solo in presenza di una buona dose di tabacchi Latakia e Kentucky, è altrettanto vero che un estratto di tabacco può risultare deciso e penetrante anche con altre combinazioni di tabacchi. E Fuoco lo è, parola di scout.

Nelle fasi centrali della svapata infatti Fuoco acquisisce maggiore corpo e completezza allorquando si fanno più evidenti intorno alla cornice vegetale, dovuta principalmente al Virginia e in seconda battuta al Samsun, alcune sfumature amarognole accompagnate da una scia legnosa piuttosto importante.

Angolo della Guancia Fuoco Aroma

Non ho dubbi nell’asserire che è il tabacco Isfahani a caratterizzare più di chiunque altro questo bouquet. Poco conosciuto nella cultura occidentale, questo tabacco ad alto contenuto nicotinico ha origini iraniane e trova impiego esclusivamente (o quasi) sul narghilè. Pur privo di una cura a fuoco, è un tabacco dotato di grande forza e una spigolosità che riesce a trasmettere al di fuori di ogni ragionevole dubbio anche all’interno dell’aroma realizzato da Angolo della Guancia.

E’ questo il motivo per cui durante l’intero arco della boccata, Fuoco viene percepito come un tabaccoso non leggero, e pur non potendosi classificare come un tabacco dark, non vi sono dubbi che le note legnose che lo attraversano fino all’espirazione, lo rendono un tabacco secco quanto basta per risultare eccezionale per una svapata all day. Orientaleggiante si ma soprattutto, lineare, secco e legnoso.

FUOCO CONSIDERAZIONI FINALI

Angolo della Guancia con Fuoco ha fatto un lavoro di indubbio valore creando una combinazione e una fusione di tabacchi che avrebbe meritato quanto meno una descrizione ufficiale del prodotto anziché un semplice elenco di ingredienti. Isfahani, Samsun e Virginia si fondono in una miscela assolutamente speciale e sebbene risulti impossibile identificarli singolarmente, nell’insieme compongono un blend diverso dal solito e quanto mai accattivante.

E’ vero, a volte i produttori esagerano nelle presentazioni ufficiali dei loro prodotti, ma mai come in questa circostanza il vaper (potenziale acquirente) avrebbe meritato di saperne di più specie sui tabacchi Isfahani e Samsun, molto poco utilizzati nelle formulazioni degli estratti di tabacco presenti in commercio.

Diluizione consigliata: 10%

Tempi di maturazione: pronto subito, suggeriti 7-10 giorni

Pro: Una miscela coraggiosa dalla struttura orientale e al tempo stesso molto incisiva 

Contro: Forse si poteva osare un pizzico di più con il tabacco Isfahani

Nome e Formato: Fuoco (Angolo della Guancia) – Aroma concentrato 10 ml

Lotto: ELM009

Base utilizzata: 50 PG / 47 VG / 3 H2O

Data scadenza: 12/2022