Nome e Formato: S.E.A.L. (Guerrilla Flavors) – aroma Mix&Vape 50 ml –  ricevuto dal produttore

Lotto: 0996 BBE 10 2019

Nico: 0 mg/ml

Base dichiarata: 30 PG / 70 VG

Data scadenza: 10-2019

Devices: Vaporesso Gen 220W + Steam Crave Aromamizer Lite RTA single coil 0,5 ohm (Kanthal A1 24 awg 0,5 mm) con Vapefly Cotton Cloud


Concludiamo oggi la nostra serie di recensioni sul sorprendente marchio rumeno Guerrilla Flavors, molto apprezzato sia dai nostri lettori che un po’ da tutto il mercato italiano. Il marchio rumeno ha ricevuto un meritatissimo riconoscimento anche all’International Vape E-liquid Award 2018, con il liquido Red Flag premiato come “Best Creamy E-juice”.

Il nostro racconto sui prodotti targati Guerrilla Flavors termina dunque oggi con il liquido fruttato S.E.A.L., così descritto dal produttore:

Sweet Mango, Honeydew with a touch of Blood Orange and strong Ice

Dolce mango, melone verde con un tocco di arancia rossa e molto ghiaccio

Mi accingo a scoprire le carte di S.E.A.L. con la consueta prova olfattiva e apro subito la boccetta del prodotto, una classica chubby gorilla con un design militare piuttosto aggressivo e inquietante, ma d’altronde si tratta pur sempre dei Guerrilla Flavors!

Ricordo che il liquido è nel formato mix&vape, ovvero 50 ml di aroma da addizionare con 10 ml di base (eventualmente con nicotina), formato che il produttore chiama short-fill.

PROVA OLFATTIVA

All’olfatto S.E.A.L. si presenta immediatamente con un’impronta aromatica abbastanza marcata e mostra in prima linea un chiaro profumo di melone verde, che conferisce al liquido la sensazione d’essere dinanzi a un mix dai connotati piuttosto dolci. In effetti sento che le già dolci caratteristiche del melone verde sono state rinforzate con elementi dolcificanti esterni (molto probabilmente sucralosio). Faticano ad emergere all’esame olfattivo spunti aromatici che possano farmi riconoscere la presenza del mango (citato in descrizione), mentre al contrario si distingue con una certa disinvoltura una sottotraccia agrumata che sembrerebbe almeno in parte, compensare gli eccessi dolci del melone e del sucralosio.

Mi preparo al test di svapo, senza nascondervi che la prova olfattiva mi ha lasciato con qualche dubbio: temo che anche allo svapo la carica del melone risulti troppo invasiva e che ci possa essere un certo disequilibrio aromatico nella ricetta. Staremo a vedere.

L’atomizzatore scelto per questo test è ancora una volta il sorprendente e forse un po’ sottovalutato Steam Crave Aromamizer Lite, un atomizzatore rigenerabile da 23 mm in grado di esprimersi al meglio con diverse tipologie di e-liquid e soprattutto in flavor chasing.

PROVA DI SVAPO

Nonostante il travolgente primo impatto dovuto a un abbondante effetto ice, allo svapo S.E.A.L. riesce ad esprimersi molto meglio che nella prova olfattiva, presentando un bouquet sicuramente più sfaccettato e di sicuro meno dolce. Colpisce positivamente durante l’inspirazione una simil sensazione esotico-speziata, che si trasmettere rapidamente sul palato, rendendo la svapata in avvio saporita e intrigante.

Uno spartito aromatico tutt’altro che banale, al contrario sottile e complesso, tale da richiedere un’analisi molto minuziosa.

In testa leggeri sentori di mango, mi portano all’interno di una vivace scenografia esotica, arricchita da nuances speziate di difficile identificazione. La forte sensazione zuccherina avvertita all’olfatto, in questa fase inalatoria è decisamente attenuata, e rende la boccata briosa e mai stancante.

Nel cuore della svapata entra in scena l’ingrediente principale di questa ricetta, il melone verde. Fresco, maturo e molto fedele al frutto reale, il melone apporta rotondità e dolcezza al boquet, rendendolo da un lato più gustoso e appetibile, ma dall’altro riducendo un pochino le sfumature più ricercate del mix.

Noto con piacere, boccata dopo boccata, che l’equilibrio aromatico è buono e lo sbilanciamento palesatosi durante il test olfattivo, ora è fortunatamente solo un ricordo. Non solo, S.E.A.L. si rivela un liquido in grado di mostrarsi ben sfumato e mai impastato e confuso; inoltre è apprezzabile il grado di naturalezza che il liquido riesce a trasmettere, nonostante si tratti di un prodotto di natura indubbiamente “sintetica”.

Nella parte finale della boccata si affacciano timidamente sul palato gustosi e “succosi” sentori agrumati e contemporaneamente, si riafferma con decisione tutta l’incisività dell’effetto ghiaccio iniziale. La componente agrumata dell’arancia rossa si accosta felicemente agli altri ingredienti del mix di S.E.A.L., mi rammarica però il fatto che, e questa a mio parere è la pecca più grossa di questa creazione, il produttore rumeno sia stato tutt’altro che generoso con il dosaggio della blood orange, quando invece le sue ineccepibili qualità aromatiche, se meglio enfatizzate, avrebbero esaltato ancor di più la complessità e il pregio di questa ricetta.

Pro: Ricetta fruttata di grande equilibrio e con ingredienti ricchi di preziose sfumature.

Contro: Molto deboli le note agrumate.

follow us: